Lady V

Al tempo in cui il desiderio serviva ancora a qualcosa... (Grimm)

Varese e la provincia viste dalle donne

di Marilena Lualdi
Mercoledì 01 Maggio 2013

L'Aristide

Basta sentire il nome, introdotto dall'articolo, e rabbrividisci. L'Aristide. Come se ce ne fosse uno, in città. Ed è così.

Perché alla tavola dell'Aristide abbiamo mangiato tutti, divorando pietanze e ricordi, incontrando il suo orgoglio mantovano che si fondeva con quello bustocco. Al punto che l'Aristide, che aveva servito tanti volti semplici e le star, correva più felice solo allo stadio.

E quattro anni fa pregustava un sogno biancoblù, la sua Pro Patria in B. E poi, come tutti i bustocchi, masticava amaro.

Ma cosa fai, Aristide, te ne vai proprio ora, quando la tua città ha un altro sogno. Ci sembra di sentirlo: vado a vedere il sogno dal posto migliore.

Il posto migliore, come quello che nel tuo locale davi a ciascuno di noi.

di Marilena Lualdi

© riproduzione riservata