Profughi, da Roma altri 65 mila euro  Cremeno: «Ora stop ad altri ospiti»
La struttura degli Artigianellli che ospita i profughi

Profughi, da Roma altri 65 mila euro

Cremeno: «Ora stop ad altri ospiti»

Il Comune ha incassato 500 euro per ogni extracomunitario residente sul territorio

Anche Cremeno passa alla cassa: 65.500 euro sono stati versati dal governo al Comune per il “fondo accoglienza”, riservato ai paesi che ospitano i richiedenti asilo. A Cremeno, all’ex colonia degli Artigianelli della frazione di Maggio, ne sono ospitati centoventi a cui bada la cooperativa “Domus Caritatis”.

Tutto bene? Di certo al sindaco, Pier Luigi Invernizzi, non dispiace (l’importo è calcolato su circa 500 euro a profugo). Ma sta sempre sul chi va là. A proposito delle voci per cui altri migranti sarebbero prossimi ad essere ospitati all’ex albergo “Cacciatore”, sempre in frazione Maggio. L’ipotesi non è campata per aria, tanto che il primo cittadino di Cremeno, dopo avere espresso la sua contrarietà di fronte a quella che per ora appare solo un’ipotesi, ha protocollato un’interrogazione all’albo della Comunità montana della Valsassina. «Il testo - spiega Invernizzi -, è finalizzato ad ottenere un supporto ufficiale al mio Comune da parte della Comunità montana. Dai primi riscontri che ho ottenuto da politici e funzionari di questo ente - continua il sindaco -, sembra che si vada nella direzione di sostenere la nostra causa». Invernizzi è ancora più chiaro quando dice: «Se ce ne mandano qui altri, troveranno “terra bruciata”», tanto per essere chiari.

Leggete tutti i particolari sull’edizione odierna de La Provincia di Lecco

.

© RIPRODUZIONE RISERVATA