Legge sui cinghiali, una mano ai contadini  I cacciatori: «Vogliamo sparare di più»
Nel comprensorio circolano fra i 4 e i 500 cinghiali

Legge sui cinghiali, una mano ai contadini

I cacciatori: «Vogliamo sparare di più»

Cassina, la nuova normativa regionale

aumenta il risarcimento agli agricoltori a spese del Comprensorio

I

“Legge cinghiali”: via libera della Commissione agricoltura regionale per regolamentare la cattura e la soppressione di questi ungulati.

I cacciatori del Comprensorio Prealpi lecchesi guardano con favore alla nuova norma. Anche se non mancano i dubbi.

La Regione intende perfezionare la normativa in vigore. Spiega il relatore della legge Alessandro Sala: «Tra le novità introdotte è previsto il dovere degli ambiti e comprensori alpini di risarcire fino al 50% i danni causati dai cinghiali nelle aree dove è consentita la caccia».

Ma per il presidente del Comprensorio Roberto Combi il discorso fila solo fino a un certo punto. «In linea di massima - premette - noi cacciatori siamo d’accordo. Anche risarcire il 50% dei danni agli agricoltori dai cinghiali, anche se attualmente versiamo il 10%. Ma per una questione di equità, almeno la Regione dia anche a noi cacciatori la possibilità di sparare ai cinghiali, sempre».

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA