Il titolare del Cacciatore di Cremeno  «Ospiterò i profughi, avremo lavoro»
L’albergo Cacciatore che potrebbe diventare presto una nuova base operativa per l’ospitalità ai profughi

Il titolare del Cacciatore di Cremeno

«Ospiterò i profughi, avremo lavoro»

Determinato il proprietario Antonio Bonacina: «Siamo in trattativa e non possiamo restare fermi. O troviamo un gestore dell’hotel o sigliamo l’accordo»

«Certo. É vero che con i miei familiari siamo in trattativa per ospitare richiedenti asilo al nostro albergo “Cacciatore”. Preciso: si tratta di persone che già alloggiano alla colonia degli Artigianelli, sempre nella frazione di Maggio. Un certo numero di loro da definire verrebbe trasferito da noi. Non c’è ancora niente di sicuro, ma se non troviamo un nuovo gestore dell’albergo opteremo per l’accoglienza degli immigrati».

Antonio Bonacina di Introbio, in queste ultime settimane, è stato il convitato di pietra in una querelle in cui il sindaco, Pier Luigi Invernizzi, ha coinvolto il ministero, la prefettura e anche la Comunità Montana della Valsassina. «Ho motivo di credere, parlando anche con i proprietari del Cacciatore, che siano in arrivo altri profughi. Ci opponiamo, se arriveranno faremo “terra bruciata”».

Leggete tutti i particolari sull’edizione odierna de La Provincia di Lecco

.

© RIPRODUZIONE RISERVATA