«Ora la scuola di Sirone è più sicura»  Scongiurato il rischio di crolli del soffitto
Le scuole elementari di Sirone (Foto by archivio)

«Ora la scuola di Sirone è più sicura»

Scongiurato il rischio di crolli del soffitto

Completata la sistemazione della primaria. Il sindaco: «Spesi 113mila euro. Ma senza Alpini e Protezione civile non ce l’avremmo fatta»

Sono stati completati i lavori di ristrutturazione delle scuole elementari, già cominciati con la sistemazione del tetto nell’estate 2014; ora è stata la volta degli spazi interni ed esterni dell’edificio, resi più sicuri grazie all’installazione di paraspigoli e coperture flessibili per i radiatori dell’impianto di riscaldamento, e all’innalzamento di alcuni parapetti (mentre altri sono stati installati di nuovo).

«L’intervento più corposo e impegnativo, però – fa il punto il sindaco, Matteo Canali - è stato deciso a seguito di una perizia effettuata per verificare il possibile rischio di sfondellamento dei solai, cioè del distacco e della caduta dell’intonaco o della parte inferiore delle cosiddette “pignatte”».

«Pur non essendo state riscontrate aree a rischio immediato, se non un paio di sgabuzzini, l’amministrazione comunale ha deciso di intervenire in maniera radicale su tutti i soffitti, per garantire ad alunni e insegnanti una situazione ottimale - prosegue il primo cittadino - I lavori hanno riguardato il completo rifacimento dell’intera superficie: oltre 1.500 metri quadrati di soffitti resi sicuri con l’installazione di speciali pannelli in cartongesso, progettati per contenere eventuali distacchi di calcinacci dai soffitti, ancorati ad una struttura metallica particolare, in grado di ridurre inoltre la flessione del solaio stesso in caso di sovraccarico».

Gli interventi hanno comportato una spesa complessiva di 113mila euro, Iva esclusa (finanziati interamente con risorse del Comune, in parte attraverso la concessione di spazi finanziari da parte del Governo), di cui 84mila per i soffitti, 14mila per la tinteggiatura, 5mila per le pulizie e 10mila per i lavori sull’impianto elettrico.

Leggete tutti i particolari sull’edizione odierna de La Provincia

© RIPRODUZIONE RISERVATA