Nella Casa degli Angeli c’è anche lui  Un orfanotrofio intitolato a Riccardo
Sirone - Riccardo Galbiati

Nella Casa degli Angeli c’è anche lui

Un orfanotrofio intitolato a Riccardo

L’aspirante chef di Sirone spirò a 15 anni dopo un malore sulla neve

Il suo nome sarà dato una nuova ala della struttura adibita a cucina

La “Casa degli Angeli”, in Tanzania, porterà anche il nome di Riccardo Galbiati, il ragazzo di 15 anni spirato il 2 gennaio all’ospedale “Papa Giovanni XXIII” di Bergamo, dov’era ricoverato dopo essere stato colpito da un malore mentre sciava all’Aprica.

Lo ha deciso l’associazione “La Carovana del Sorriso” di Annone, che ha costruito l’orfanotrofio a Mabilloni e opera su scala mondiale: la struttura che verrà dedicata alla memoria del 15enne sironese affiancherà l’edificio principale, appena ultimato .

Quest’anno l’associazione amplierà il complesso dotandolo di una nuova ala adibita a cucina, che verrà intitolata proprio a Riccardo: il ragazzo studiava alla scuola alberghiera di Casargo proprio per diventare chef.

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA