Verderio-Serenza ben oltre gli insulti  «Giocatore preso a pugni in faccia»
Nella foto d’archivio l’ingresso in campo dei giocatori del Verderio . Domenica scintille nel dopopartita

Verderio-Serenza ben oltre gli insulti

«Giocatore preso a pugni in faccia»

Movimentato dopopartita seguito alla vittoria della squadra juniores di Capiago. Il direttore sportivo: «La società si scusa. Provocato, ma la reazione è censurabile»

Rissa al termine di Verderio-Serenza Carroccio del campionato Juniores Regionali, a farne le spese un giocatore della squadra comasca di Capiago Intimiano. L’episodio è avvenuto al termine della partita, finita 3-0 per il Serenza. In campo sono volati insulti, la “vendetta” si è consumata a mente fredda, dopo la doccia, nel percorso che porta dagli spogliatoi al parcheggio del centro sportivo di Verderio Inferiore.

Il giocatore del Verderio vittima dell’insulto ha atteso l’arrivo del giocatore del Serenza che l’ha apostrofato nel corso della partita, sferrandogli un colpo al volto e uno alla nuca. La vittima – un ragazzo maggiorenne di Como, che ha chiesto di rimanere anonimo – non ha avuto bisogno di cure mediche, non ha sporto denuncia e non è intenzionato a farlo. Una partita tra l’altro già segnata da un infortunio: per uno scontro fortuito, il portiere del Serenza ha perso conoscenza ed è stato trasportato all’ospedale di Merate per un controllo.

L’episodio accaduto a fine gara è stato portato a galla dal Serenza Carroccio, il Verderio ha deciso così di rispondere alla denuncia del club comasco con una mail in cui, oltre a una ricostruzione dei fatti sostanzialmente identica a quella comasca, ci sono le scuse a nome di tutta la società. Con la promessa che il giocatore del Verderio sarà punito.

Leggete tutti i particolari sull’edizione di domani, martedì, de La Provincia di Lecco

© RIPRODUZIONE RISERVATA