Un’altra croce sulle strade lecchesi  Muore dopo lo scontro col fuoristrada
Lo scooter di Bonacina, a terra il casco perso nello scontro

Un’altra croce sulle strade lecchesi

Muore dopo lo scontro col fuoristrada

Non ce l’ha fatta Eugenio Bonacina, 68 anni, operaio Pirelli in pensione. E’ deceduto in mattinata Stava rientrando a casa dopo la colazione al bar, quando alla rotonda ha trovato la Jeep

È morto nella mattinata di oggi Eugenio Bonacina, 68 anni, rimasto gravemente ferito nell’incidente stradale verificatosi attorno alle 7 del mattino di giovedì all’altezza della rotonda di Beverate.

Troppo gravi le conseguenze del trauma alla testa subite dal motociclista che, dopo essere stato investito da una Jeep, condotta da un uomo di Calco, che procedeva in direzione Brivio, è finito a terra. In seguito all’impatto con l’asfalto, l’uomo ha perso il casco e forse questo fatto può avere determinato le tragiche conseguenze avvenute di lì a poche ore.

Bonacina, appassionato di cani, giudice in questo settore, ma anche amante della caccia, come ricorda l’amico Ferdinando Massironi, giovedì, come ogni mattina, era salito in sella al suo scooter per raggiungere il Baby Bar, nella frazione di Beverate.

«Era il primo cliente - racconta Roberto Bellini. - Con lui, in pratica, aprivo il bar». Al bancone, Eugenio Bonacina si fermava una decina di minuti in tutto.

Leggi tutti i particolari su La Provincia di Lecco in edicola sabato 28 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA