Sequestrati nella villetta e derubati  Allarme a Cernusco, sempre più paura
La villetta presa di mira. All’interno pesanti minacce e intimidazioni, per un’interminabile paura

Sequestrati nella villetta e derubati

Allarme a Cernusco, sempre più paura

Non si placa lo scalpore dopo le minacce con un cacciavite e le intimidazioni

Il vicesindaco: «Prevenzione, vie più illuminate e videosorveglianza»

C’è preoccupazione in paese per l’ennesimo episodio di malavita, dopo i furti e le rapine delle scorse settimane, ma anche le truffe agli anziani, sempre nella stessa zona, quella posta a sud e facilmente raggiungibile dalla rotonda dell’Esselunga e dalla provinciale 342, tra il villaggio San Marco e via Roma, una zona quasi esclusivamente residenziale che si presta facilmente ad essere presa di mira dai delinquenti.

«È una zona che ha subito diversi colpi – ammette il vicesindaco Alvaro Pelà – e infatti stiamo intervenendo. Strade ben illuminate, mentre abbiamo in corso l’installazione di telecamere al cimitero, poco distante, ed alla stazione ferroviaria, che saranno collegate con il comando della polizia locale, permetteranno la visione in diretta e registreranno le immagini per una settimana».

I malviventi hanno colpito sabato sera in una casa di via Parini, nell’abitazione della famiglia Poggi, proprio di fronte alla casa cantoniera e ad un tiro di schioppo dalla caserma della Guardia di Finanza. Si tratta probabilmente degli stessi malviventi che già qualche settimana fa, il 24 novembre, avevano derubato una casa nel villaggio San Marco, chiudendo fuori i proprietari.

Questa volta invece sono stati sorpresi dai padroni di casa che rientravano. I malviventi sono saliti al primo piano della casa arrampicandosi sul tubo del gas, hanno alzato la tapparella e rotto il vetro e sono entrati. Verso le 20,30 sono rientrati i padroni di casa. Quando se li sono visti davanti i ladri li hanno minacciati con un cacciavite e li hanno costretti ad aprire la cassaforte per portare via il bottino.

Leggete tutti i particolari sull’edizione odierna de La Provincia di Lecco

© RIPRODUZIONE RISERVATA