Il Comune chiede il conto a Enel Sole  «Lampioni spenti, ci deve 260mila euro»
Questa volta il municipio di Merate ha deciso di usare le maniere forti (Foto by archivio)

Il Comune chiede il conto a Enel Sole

«Lampioni spenti, ci deve 260mila euro»

Merate, il sindaco: «Inadempienze contrattuali

troppi ritardi nel sistemare i guasti»

Una penale di 261 mila euro a carico di Enel Sole per inottemperanza alle norme contrattuali.

A tanto ammonta la richiesta di danni avanzata nei giorni scorsi dall’amministrazione comunale di Palazzo Tettamanti nei confronti della società che, tre anni fa, si è aggiudicata la gara d’appalto per la gestione del sistema di illuminazione pubblica della città di Merate.

Il contenzioso

Tra le norme contrattuali, come spiegato dal sindaco Andrea Massironi, erano stati indicati con precisione anche i tempi massimi entro cui l’azienda, in caso di guasto, avrebbe dovuto intervenire.

Invece, in numerosi casi, l’azienda ha lasciato le strade meratesi al buio ben oltre i 15 giorni consentiti. Calcolando 150 euro di penale per ogni giorno in eccesso per ciascun guasto, si è arrivati all’enorme cifra di 261 mila euro.

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA