I disabili per le consegne a domicilio  Si inizia con l’acqua, in futuro la spesa
Un’iniziativa di “socializzazione” dell’Auser

I disabili per le consegne a domicilio

Si inizia con l’acqua, in futuro la spesa

Merate: gli ospiti del centro diurno da un anno

riforniscono gli anziani anche di altri Comuni

Consegnare a casa di anziani bottiglie d’acqua una volta alla settimana. Un progetto banale, ma che diventa straordinario, quello portato avanti dal Centro diurno disabili di Merate insieme alla associazione Auser Filo d’Argento meratese, quando si scopre che a svolgere quest’attività sono proprio gli utenti del centro diurno per disabili. Ragazzi disabili, quindi, che insieme ad operatori dell’associazione forniscono un servizio di primaria importanza per anziani che vivono nei territori di Merate, Paderno d’Adda e Robbiate.

Gli anziani che usufruiscono del recapito dell’acqua in casa una volta alla settimana abitano nei Comuni di Merate, Robbiate e Paderno d’Adda. A breve, però, il servizio potrebbe essere esteso anche a Cernusco.

«A Cernusco - spiega Mapelli - si è formato un altro gruppo Auser e ci hanno subito chiesto la possibilità di estendere anche là questo tipo di servizio. Inoltre, stiamo valutando la possibilità di organizzare pure la consegna della spesa».

L’articolo su La Provincia di Lecco del 5 maggio

.

© RIPRODUZIONE RISERVATA