Frontale con la moto   muore imprenditore di Lomagna
Giulio Ferrario è deceduto nella notte, era amministratore unico della k-Tex

Frontale con la moto

muore imprenditore di Lomagna

Giulio Ferrario, 65 anni, era in sella con la moglie Simona Crippa di 61 quando è avvenuto lo scontro Erano diretti a Foppolo nella bergamasca alla ricerca di un po’ di fresco, l’uomo è spirato nella notte, grave la donna

Un 65 enne di Lomagna è morto e la moglie è ricoverata in condizioni gravi all’ospedale di Bergamo.

È il bilancio dell’incidente verificatosi domenica pomeriggio lungo la Sp 2 che porta a Foppolo, in Val Brembana.

Ferite gravissime

La vittima, deceduta nella notte tra domenica e lunedì, in seguito alle gravissime ferite riportare nello schianto, è Giulio Ferrario, amministratore unico della K-Tex di Medolago, specializzata nella produzione di abbigliamento sportivo, con produzione in mezza Europa.

Insieme a lui, in ospedale è finita anche la moglie Simona Crippa, 61 anni, docente in pensione di francese all’istituto Viganò di Merate.

La tragedia ha dato appuntamento ai due coniugi nel primo pomeriggio di domenica quando, in sella alla BMWC650 del marito, erano diretti verso Foppolo, alla ricerca di un po’ di fresco.

Attorno alle 15,30, in Comune di Valleve, all’altezza della località Sottocorna, dopo l’ultimo distributore di benzina, lo scontro praticamente frontale tra la moto, a bordo della quale di trovavano i due lecchesi, e una Renault Captur su cui viaggiavano altre due persone e che procedeva in direzione opposta.

Sbalzati a terra in seguito allo schianto, le condizioni dei due brianzoli sono subito apparse molto serie.

In particolare, l’uomo. Per il quale è stato richiesto l’intervento dell’elisoccorso. Fatto atterrare nei pressi della chiesa di Valleve, il velivolo è stato subito raggiunto dall’ambulanza della Croce Rossa di Lenna, che ha provveduto al trasferimento di Ferrario.

Durante il volo, il 65 enne è andato in arresto cardiaco una prima volta. Ripreso dai medici, è stato quindi affidato alle cure degli operatori del pronto soccorso. Mentre erano in corso tutti gli accertamenti nel reparto di emergenza, il brianzolo è però spirato.

Si trova invece ricoverata in prognosi riserva nella terapia intensiva dell’ospedale di Bergamo la moglie Simona Crippa.

Le sue condizioni sono giudicate gravi ma non corre pericolo di vita.

Sono invece rimasti praticamente illesi l’uomo e la donna di 23 e 32 anni che viaggiavano sull’automobile francese.

I rilievi dei carabinieri

Toccherà ai carabinieri della compagnia di Zogno, intervenuti sul posto per i rilievi del caso, ricostruire con quello che è accaduto e le eventuali responsabilità dell’ennesima tragedia della strada.

La notizia della tragedia è giunta a Lomagna nella prima mattinata di ieri quando dall’ospedale di Bergamo hanno contattato l’ufficio anagrafe.

Nel giro di poche ore, la voce di quanto avvenuto in Bergamasca si è diffusa in tutto il paese.

Anche se la famiglia Ferrario era originaria di Cernusco, vivevano a Lomagna ormai da una quindicina di anni ed erano abbastanza conosciuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA