Recinzione lungo la passeggiata  «Diciassette anni di immobilismo»
Il tratto di passeggiata a lago dove sono in corso i lavori di realizzazione della recinzione

Recinzione lungo la passeggiata

«Diciassette anni di immobilismo»

A Bosisio Parini il capogruppo Giacomo Gilardi non ci sta: «La pista non è stata mai allungata e l’attuale maggioranza a suo tempo si schierò contro il tracciato, basta polemiche e si lavori»

I lavori di separazione della passeggiata a lago dal “Villaggio Pescatori” infiammano il dibattito politico in paese.

Nei giorni scorsi il sindaco Giuseppe Borgonovo aveva dichiarato: «Abbiamo ereditato una situazione pasticciata dall’amministrazione precedente. Diversi tratti della passeggiata non erano su terreno pubblico, ma privato. Non solo, il percorso non rispettava le norme in termini di sicurezza». Il che ha portato a un accordo tra la proprietà del “Villaggio Pescatori” e il Comune, al quale è stata ceduta gratuitamente l’area della passeggiata, in cambio della realizzazione di una recinzione con soldi pubblici.

Non si è fatta attendere la replica di “Bosisio Viva”, per bocca del capogruppo Giacomo Gilardi: «La passeggiata venne ultimata nell’aprile del 1999 in prossimità delle elezioni - afferma - Borgonovo parla di due aree, una di proprietà dell’ospedale e quella del “Villaggio Pescatori”. In effetti rimasero indietro queste due cose, ma “Bosisio Viva” perse le elezioni e salì l’attuale gruppo politico con Filippo Fronterre come sindaco. Avrebbero potuto sistemare subito la situazione, ma non hanno fatto nulla, pur avendo governato per ben 17 anni. Non hanno allungato neppure di un centimetro la passeggiata nel corso di tre mandati più quello attuale».

Tutti i dettagli nell’ampio servizio su “La Provincia di Lecco” in edicola giovedì 29 settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA