«Prima viene la salute»  Suello contro il forno Silea
Uno scorcio dell’impianto Silea: il nuovo progetto viene osteggiato dai residenti della zona

«Prima viene la salute»

Suello contro il forno Silea

Chiesta la convocazione dell’assemblea sociale

«Stop al progetto fino all’esito dell’indagine sui rischi»

Prima la salute poi, forse, il teleriscaldamento: su mandato del proprio consiglio comunale, il sindaco di Suello, Carlo Valsecchi, chiederà ora la convocazione dell’assemblea di Silea: è la società, a totale capitale pubblico e partecipata dai Comuni di Lecchese, che gestisce l’inceneritore di Valmadrera e che progetta di trasformarlo in cogeneratore di energia elettrica e calore, alimentato a rifiuti.

L’ordine del giorno dell’assemblea dovrà essere il rinvio dell’appalto di tutti i lotti del progetto, finché non saranno noti gli esisti dello studio epidemiologico in atto, attesi a fine 2018.

Il Comune di Suello incontrerà inoltre forse già la settimana prossima l’azienda sanitaria Ats Brianza, alla quale ha richiesto un supplemento d’indagine nei dintorni del forno.

Sia la decisione sul rinvio degli investimenti di Silea, sia quella sull’indagine epidemiologia, verranno sottoposte ora anche a tutti gli altri Comuni della provincia.

«Mi aspetto sensibilità – dichiara il sindaco Valsecchi – Finora abbiamo riscontrato l’interesse di Civate, Ello, Colle, Cesana, Primaluna, Cremeno, ma ci aspettiamo il sostegno anche dei Comuni di maggiore peso in assemblea, tanto più che dal protocollo stesso dell’università di Torino incaricata dello studio epidemiologico in atto emerge già la “tossicità nota delle diossine” e si evince come sia “indispensabile l’identificazione del modello d’analisi”».

L’articolo completo e l’approfondimento sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA