Pian delle Betulle   I cervi a Freccia 45
Un cervo del tipo di quelli “salvati” da Freccia 45

Pian delle Betulle

I cervi a Freccia 45

Sarà l’associazione ambientalista a occuparsi dei quattro esemplari di cui uno neonato

LECCO

I cervi di Prà Cainarca, al Pian delle Betulle sono ora di “Freccia 45”, l’associazione animalista guidata da Susanna Chiesa.

A villa Locatelli nei giorni scorsi la firma della cessione. Accanto alla presidente, il dirigente dell’Amministrazione provinciale Luciano Tovazzi, il comandante della Polizia provinciale Raffaella Forni, il sindaco di Margno Giuseppe Malugani, e Bruno Milesi medico veterinario e volontario di “Freccia 45”.

Tutti i cervi sono ora dell’associazione Freccia 45, incluso il cucciolo nato pochi giorni fa. L’associazione per festeggiare l’evento, organizzerà a breve una passeggiata floro-faunistica con arrivo al rifugio dei cervi.

«Siamo contenti di essere riusciti nell’intento di salvare questi splendidi cervi che verranno accuditi e protetti con la massima cura. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno da sempre appoggiato». Si conclude con un lieto fino la vicenda dei cervi rimasti senza nessuno che li accudisse dopo che la cooperativa sociale “Kwa Kusaidia” di Galbiate era fallita. Il Comune di Margno li aveva rifocillati fino allo scorso gennaio, quando l’Amministrazione provinciale aveva pensato di catturare i cervi ed affidarli in custodia ad un’azienda agricola in attesa di un’asta di vendita.

L’intervento dell’associazione “Freccia 45” ha scongiurato che ciò avvenisse ed i tre cervi, ora quattro con l’arrivo del piccolo, sono rimasti nel loro habitat, e soprattutto continueranno a restare a casa loro. Non verranno venduti e resteranno nel loro habitat naturale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA