Oggiono, si fa  la piega nel suo negozio  Non si è emessa lo scontrino: maximulta
Mara Lucci davanti al suo salone

Oggiono, si fa la piega nel suo negozio

Non si è emessa lo scontrino: maximulta

Il caso della titolare di “Tendenze e colori” visitata dalle Fiamme Gialle «Hanno aspettato la dipendente e chiesto a lei la fattura». Ma le regole parlano chiaro

Parrucchiera multata per essersi fatta la piega, ma non lo “scontrino”: Mara Lucci, titolare del salone di via Montegrappa, è stata sanzionata dalla Guardia di finanza, per la violazione della normativa sull’autoconsumo, articolo 3 del Dpr 633/72; ora, si aspetta «una multa da 500 euro; nel verbale - racconta – mi è stato contestato di non essermi auto-emessa la fattura per l’acconciatura che mi era appena stata eseguita, all’interno del mio stesso salone, da una mia dipendente, tra una cliente e l’altra; anzi: siccome si trattava appunto di un passatempo, ci abbiamo impiegato parecchio.

A mezzogiorno si è presentata la signora che era prenotata per quell’ora, abbiamo quindi interrotto la mia acconciatura, che non era neppure finita (mancavano la lacca e quant’altro); la mia dipendente, intanto, aveva terminato il suo orario e – prosegue la Lucci - è uscita; io ho fatto accomodare la cliente; in quel mentre, è entrato il finanziere e mi ha chiesto se mi fossi fatta pettinare, e dov’era la fattura; il suo collega è comparso di lì a poco, riaccompagnando la mia dipendente, fermata a pochi passi dal negozio. È stata rivolta praticamente a lei l’accusa di non avere emesso la ricevuta fiscale, quando invece – precisa la titolare – la ragazza non ha neppure accesso alla cassa. Comunque – continua allibita la parrucchiera – confesso che, inizialmente, ho creduto che i finanzieri scherzassero e ridevo; invece, hanno fatto sentire me e la dipendente come se avessimo evaso chissà che cosa: ho iniziato a stare male e a piangere. Inutilmente ho invocato il buon senso, spiegando che 500 euro sono tantissimi per non avere commesso pressoché niente. Macché».

i

Una disavventura che Mara Lucci vuole risparmiare ad altri: in gioco c’è l’Iva. «La Finanza – dice - mi ha spiegato che, anche per il titolare di qualsiasi attività, vale la normativa sulla prestazione gratuita (che noi applichiamo ai parenti): va emessa sempre la fattura, o va battuto lo scontrino, con l’importo della prestazione (in tal caso, i 10 euro della piega) mentre, alla voce totale, va indicato zero. L’esempio che mi è stato portato dal finanziere è quello del barista: se si fa il caffè nel proprio locale, deve battersi lo scontrino. Nel mio caso, è stata la piega più cara del mondo». Il comando provinciale della Guardia di finanza non ha formalmente reso dichiarazioni sull’accaduto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA