Lecco. Contributi alla tecnologia   Con gli investimenti crescita più forte

Lecco. Contributi alla tecnologia

Con gli investimenti crescita più forte

I finanziamenti della Regione e del Ministero, i finanziamenti puntano a diffondere gli strumenti dell’economia digitale nelle piccole e medie aziende

«Oltre all’intera partita dei finanziamenti 4.0, che ci vede impegnati, questo è un momento interessante per contributi e misure a sostegno degli investimenti delle imprese. Noi – afferma Cristina Pierini, responsabile dell’area competitività e mercato di Confindustria Lecco e Sondrio – ci stiamo focalizzando su tutto quello che riguarda il sostegno alla ricerca, sviluppo e innovazione per aiutare le aziende ad individuare e ad accedere a benefici regionali, nazionali e comunitari».

Fra le misure più attese in arrivo per l’autunno di sono i voucher pubblici per le piccole e medie imprese digitali per i quali anche le aziende locali si preparano ad accedere allo stanziamento del ministero per lo Sviluppo economico che alla Lombardia riserva 15 milioni di euro.

«I contributi a fondo perso per ogni azienda che ha i requisiti per accedere – afferma Pierini – è di circa 10mila euro per acquisti di software, hardware e consulenze a sostegno degli investimenti digitali».

Per settembre è inoltre in arrivo dal Mise il nuovo bando per i voucher a rimborso a fondo perso di acquisto di servizi per l’internazionalizzazione. Ciò con l’annuncio che l’iniziativa sarà ripetuta anche nel 2018 e 2019 con uno stanziamento già reso disponibile.

Per quest’anno il fondo residuo, non utilizzato lo scorso anno, è aumentato di 6 milioni di euro e sarà destinato a rimborsi di 10mila euro a fronte di 13mila euro di costi sostenuti per chi ne fa richiesta per la prima volta. Per chi lo ha già utilizzato l’anno scorso il rimborso sarà di 8mila euro a fronte di 13mila spesi. Per chi già esporta ma vuol consolidarsi sull’estero il rimborso è di 15mila euro a fronte di 25mila di costi sostenuti ma dimostrando di aver ottenuto un incremento del 20% in fatturato. «Sono le due misure più attese – commenta Pierini – alle quali si aggiungono i bandi Innodriver e ’Al via’». Il primo bando si è aperto da poco e sostiene con 11 milioni di euro a fondo perduto da fondi europei Por-Fest 2014-2020 gli investimenti in innovazione e brevetti delle pmi, su tre diverse linee di finanziamento. “Al via”, in corso, è sostenuto dalla Regione e da Finlombarda, sostiene gli investimenti tecnologici e anche quelli collegati relativi allo sviluppo della sede aziendale.

È di questi giorni la pubblicazione a Lecco degli esiti della call di manifestazione di interesse da parte delle imprese per il progetto camerale “Ecosistema Innovazione Lecco”, il cui bando di partecipazione uscirà a novembre.

«Al di là dei bandi regionali e nazionali – sottolinea Pierini – per la nostra associazione sono importanti sia tutte le opportunità che arrivano dal progetto Industria 4.0 sia le agevolazioni che arrivano alla finanza europea, relative a bandi complessi per i quali abbiamo allestito un servizio specialistico dedicato grazie all’operatività dell’ufficio di Confindustria a Bruxelles, che ci permette di accompagnare le imprese nel cuore delle opportunità comunitarie, che vede la partita più interessante nelle risorse del programma Horizon 2020».

© RIPRODUZIONE RISERVATA