«Le nostre stazioni vicine   alla gente per la sicurezza»
A sinistra il comandante provinciale, tenente colonnello Pasquale Del Gaudio (Foto by fotoservizio menegazzo)

«Le nostre stazioni vicine

alla gente per la sicurezza»

Il comandante provinciale Del Gaudio ha sottolineato l’importanza del rapporto con i cittadini - «L’invito è quello di denunciare ogni genere di reato»

L’abbraccio della Provincia di Lecco ai militari dell’Arma: ieri pomeriggio i lecchesi si sono stretti ai carabinieri in occasione delle celebrazioni del 203° anniversario, andate in scena al Palataurus di viale Brodolini.

E’ stata dunque in questa sede che si è svolta la parte ufficiale della festa, cui è seguito il rinfresco al comando provinciale cittadino. Sugli spalti, tante autorità (tra le altre, il prefetto Liliana Baccari, il presidente del Tribunale Ersilio Secchi e il Procuratore Antonio Chiappani), familiari e cittadini, tra i quali molti bambini, tutti dotati di bandiera tricolore che hanno sventolato al passaggio del comandante provinciale, tenente colonnello Pasquale Del Gaudio.

Schierati dinanzi alle tribune, invece, i corpi che caratterizzano l’Arma, dai comandanti di stazione ai carabinieri in alta uniforme, fino a rappresentanti di tutte le specialità presenti in Provincia. Accanto a loro, la Filarmonica Giuseppe Verdi, che ha accompagnato con le sue note la cerimonia dall’inizio alla fine.

«Oggi la sicurezza è diventato il bene più prezioso nel nostro Paese», ha rimarcato Del Gaudio, e a questo obiettivo i carabinieri lavorano in stretta collaborazione con le altre forze di polizia. «La sintesi dell’impegno quotidiano dei carabinieri è condensata nell’attività di controllo del territorio, che trova il suo fondamento nelle stazioni dei carabinieri. Da queste, l’Arma trae il più alto coefficiente di successo».

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 6 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA