Famiglie in affanno  La Regione non paga  i contributi per i libri
Si ritorna sui libri. E la Regione non eroga i voucher. Per le famiglie l’anno scolastico inizierà con difficoltà

Famiglie in affanno

La Regione non paga

i contributi per i libri

È un buono che varia tra i 90 e i 240 euro

Forse l’erogazione potrà avvenire a fine settembre

ma i testi scolastici devono essere pagati all’acquisto

Attendono da settimane il voucher della “Dote scuola” per acquistare i libri di testo, ma la Regione è in ritardo con le spedizioni, tanto che il rischio è che il contributo arrivi ad anno scolastico inoltrato.

Quello che doveva essere un sostegno all’acquisto dei libri di testo, un buono tra i 90 e i 240 euro, rischia di non poter essere utilizzato per la sua finalità. Già ottenerlo non è così semplice, considerato che è necessario avere un reddito molto basso, e che bastano pochi euro a sforare e a perdere la possibilità. Il reddito familiare massimo non deve andare oltre i 15.494 euro.

«Negli scorsi anni il buono quale contributo all’acquisto dei libri di testo arrivava attorno al 25 agosto, giusto coi tempi dell’acquisto. Quest’anno invece niente da fare, la Regione è in ritardo e il buono arriverà a fine settembre, quando le famiglie avranno già acquistato i libri, vanificando così la finalità del contributo». A denunciare una situazione che rischia di creare parecchi problemi è Lello Colombo.

Leggi i particolari sull’edizione de La Provincia in edicola giovedì 27 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA