Fallita la “Terme di Tartavalle”  Ma la produzione continua
All’interno degli stabilimento della “Antica fonte”

Fallita la “Terme di Tartavalle”

Ma la produzione continua

Il provvedimento del giudice riguarda

la società proprietaria degli immobili

Il Tribunale di Lecco ha dichiarato fallita la società “Terme di Tartavalle Srl”, la società proprietaria dei beni e degli immobili di Taceno.

È il passo conseguente a quello fatto lo scorso 7 marzo quando la società ha depositato la domanda per l’ammissione alla procedura di concordato preventivo. La prima sezione del Tribunale, presieduta dal magistrato Ersilio Secchi, che aveva concesso sessanta giorni di tempo ed ha assegnato il compito di commissario giudiziale al dottor Antonio Chirico, è la stessa che ora ha emesso la sentenza di fallimento sul ricorso contro la dichiarazione che la società aveva presentato lo scorso 6 luglio.

Il giudice ha appurato che sussiste la stato di insolvenza, previsto dalla legge, che è stato ammesso anche dalla società poiché la consistenza dell’attivo non è in grado di far fronte ai debiti e dall’impossibilità di presentare il piano relativo al richiesto concordato.

I servizi su La Provincia di Lecco del 27 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA