Don Giorgio a processo  «Ma ora smettiamola»
Don Giorgio De Capitani nella chiesa di Monte di Rovagnate

Don Giorgio a processo

«Ma ora smettiamola»

La querela presentata dalla giornalista Rai, Grazia Graziadei. Il sacerdote citato per diffamazione: «Nessuna volontà di offendere»

La giornalista della Rai Grazia Graziadei, querelante, e l’imputato di diffamazione don Giorgio De Capitani, 78 anni compiuti lo scorso 18 aprile, si sono finalmente trovati l’una di fronte all’altro, nella seconda udienza del giudice Nora Lisa Passoni, con viceprocuratore onorario Alessandro Figini.

Mentre il giudice ha faticato non poco per ottenere risposte precise in aula, la giornalista Graziadei ha dato sfogo a quanto patì in quei mesi nel leggere i commenti alle critiche che Vittorio Arrigoni rese note nel suo blog “Guerrilla Radio”, da Gaza, riprese in toto nel blog del sacerdote.

In modo considerato ironico, Arrigoni citava il servizio di Grazia Graziedei trasmesso nel corso del Tg1, con direttore Augusto Minzolini del 29 giugno 2010, sulla sentenza della Corte d’Appello di Palermo con la quale l’ex senatore Marcello Dell’Utri era stato condannato a 7 anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa.

In risposta all’avvocato Marco Rigamonti, suo difensore, don Giorgio ha confermato la memoria difensiva. Prossima udienza per la discussione il 13 settembre, ore 13,45. Sentenza a sorpresa? Don Giorgio ha già dichiarato di non temere l’esito del processo.

Tutti i dettagli nell’ampio servizio su “La Provincia di Lecco” in edicola mercoledì 15 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA