Ciclopedonale di Ballabio  Perizia sulla sicurezza
La ciclabile è stata chiusa nel 2015 dal sindaco Consonni

Ciclopedonale di Ballabio

Perizia sulla sicurezza

Nel 2015 venne bloccata per il pericolo massi Ora verrà commissionata un’indagine a professionisti «Il geologo dovrà indicarci gli interventi di protezione »

Pista ciclopedonale chiusa da un anno e mezzo con ordinanza sindacale: arriva la “super perizia” affidata ad un esperto geologo per capire cosa fare per riaprirla.

Un tracciato nuovo

Il tracciato, pressoché nuovo inaugurato dalla giunta del sindaco Luigi Pontiggia nel ’13, dal 2015 è stato chiuso per pericolo caduta massi dall’attuale primo cittadino, Alessandra Consonni: uno dei primi provvedimenti adottati dalla neo eletta nel giugno del 2015.

Da allora sono rimaste solo polemiche, la pista è chiusa. O, almeno, chi vuole un giro se lo può anche fare, ma solo a suo rischio e pericolo.

Ora la novità, la “super perizia”. «Gli uffici del Comune - aggiorna l’assessore all’ambiente, Celestino Cereda -, hanno avuto l’incarico di sondare eventuali manifestazioni di interesse da parte di professionisti del settore, affinché ad uno di loro sia affidata un’indagine approfondita sullo stato della pista ciclopedonale. Il fine è quello di capire bene cosa fare sulla scorta di un parere di un geologo molto esperto: riaprire la pista subito dopo l’indagine? Oppure dopo opportuni accorgimenti che la proteggano da altre scariche di sassi e macigni che potrebbero interessarla? L’opera c’è, è stata pagata e noi per primi ci rendiamo conto che non si può andare avanti così».

Tutti i particolari su La provincia di Lecco in edicola domenica 29 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA