A Taceno e Introbio vietati i botti   Disturbano e possono innescare roghi
Marisa Fondra, sindaco Taceno

A Taceno e Introbio vietati i botti

Disturbano e possono innescare roghi

Il provvedimento: Lo sparo di petardi potrebbe innescare roghi oltre a spaventare gli animali

Botti vietati nella notte di Capodanno a Taceno ed Introbio.

Le ordinanze sono state emesse dai sindaci dei due Comuni, Marisa Fondra e Adriano Airoldi, già dalla vigilia di Natale, a tutela della pubblica incolumità.

Lo sparo di petardi ed altri prodotti pirici, sostengono i due sindaci, disturba le persone e potrebbe provocare danni alle cose, sia di proprietà privata che di patrimonio pubblico. A ciò si aggiunge il fatto che il fragore dei botti spaventa gli animali domestici e la fauna selvatica provocando frequentemente la perdita di orientamento ed il rischio di smarrimento che potrebbe anche diventare un rischio di investimento se si trovano vicino alle strade.

In questi giorni inoltre la Regione Lombardia ha emesso l’avviso di moderata criticità, contrassegnato dal codice arancione, per il rischio di incendio boschivi.

È stato diramato dalla sala operativa della Protezione civile regionale, e resterà in vigore sino a revoca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA