A Ello scoperta una cripta   sotto la chiesina

A Ello scoperta una cripta

sotto la chiesina

Proseguono i lavori di restauro della cappella del Santo Crocefisso

ELLO

Sotto la guida dell’architetto Roberto Spreafico, di Sirone, e la supervisione della Soprintendenza ai beni archeologici, proseguono i lavori di restauro della cappella del Santo Crocefisso, in seguito ai quali, sotto il pavimento della cappella stessa, è stata rinvenuta una piccola cripta.

Ne dà notizia Virginio Colombo, tra i volontari dell’”Associazione santi Giacomo e Filippo”, impegnata appunto nel restauro: «All’interno – riferisce – sono state trovate ossa accatastate in modo ordinato: ciò conferma che questa chiesina, inaugurata nel 1735, è da ritenersi cappella funeraria». La raccolta dei fondi per il restauro è stata promossa dall’”Associazione santi Giacomo e Filippo” già protagonista di altre iniziative di salvaguardia del patrimonio artistico; stavolta, il progetto trova l’appoggio della “Fondazione della provincia di Lecco”, disposta a finanziare metà della somma. La cappella un tempo ospitava il Crocifisso ora conservato nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonio Abate; presenta decorazioni funerarie; per il resto, se ne sa piuttosto poco. Al suo interno furono anticamente ritrovate due mummie che, nel 1921, dopo essere state esposte a lungo, vennero fatte seppellire. La cappella, originariamente privata, è stata successivamente ceduta al Comune.

© RIPRODUZIONE RISERVATA