Sp 72 a senso alternato   I lavori solo a fine anno Mesi di disagi
La provinciale resterà a senso alternato fino a fine anno

Sp 72 a senso alternato

I lavori solo a fine anno Mesi di disagi

La chiusura della corsia a lago non si toglie A bilancio approvato sarà pubblicato il bando dell’opera Intasamenti con lunghe colonne nei momenti di punta

Senso unico alternato all’altezza di Corenno almeno fino ad inizio gennaio, poi si vedrà.

Tempi lunghi e disagi all’ordine del giorno lungo la strada provinciale 72, nel tratto di Corenno, dove da inizio aprile l’Amministrazione provinciale ha chiuso la corsia a lago in quanto ci sarebbero delle fenditure di distacco tra il piano della banchina e la muratura di sostegno di valle.Chiusa la corsia, posizionato il semaforo, ogni giorno è caos.

Sabato il caos totale

Sabato scorso, complice la festa medioevale di Corenno e la presenza di tante persone, il traffico è andato in tilt con lunghi incolonnamenti ed ingorghi.

«Al momento l’unica certezza che abbiamo è quella che il bando d’asta per i lavori verrà pubblicato nei prossimi mesi, così da affidare l’opera per fine anno. Poi ci saranno i tempi per la messa in sicurezza che oggi non possiamo definire», dice Mauro Galbusera, consigliere provinciale delegato ai lavori pubblici.

In poche parole la strada resterà percorribile a senso unico alternato ancora per mesi e mesi, molto probabilmente fino a primavera del prossimo anno.

Una situazione precaria che ha creato tanti disagi durante l’estate, soprattutto in concomitanza con l’incremento delle presenze turistiche sul territorio. Basta un evento come quello di sabato a bloccare il traffico con lunghi incolonnamenti, e disagi per tutti.

Abbassati i limiti di circolazione

«Il primo passo da compiere è l’approvazione del bilancio provinciale per l’anno in corso, che avverrà a settembre, poi faremo il bando d’asta e appalteremo - prosegue Galbusera -. Nel frattempo sono già stati fatti tutti i sopralluoghi e i tecnici stanno stilando il progetto per l’intervento di messa in sicurezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA