San Silvestro senza botti sul Lario  Ma il divieto si trasforma in beffa
Anche le forze dell’ordine preposte ai controlli non possono essere ovunque (Foto by repertorio)

San Silvestro senza botti sul Lario

Ma il divieto si trasforma in beffa

Da Mandello a Colico, fioccano le ordinanze

per proibire i festeggiamenti con i petardi

A Roma il Tar del Lazio ha sospeso l’ordinanza di divieto dei botti per Capodanno firmata dal sindaco Virginia Raggi.

A Sueglio invece lo stesso provvedimento a firma di Simona Monica Cantini è stata esposta più volte, e altrettante volte rimossa da qualcuno non è d’accordo con la proibizione.

Paese che vai, situazione che trovi: sul lago ci sono divieti a macchia di leopardo ad Abbadia, Mandello, Sueglio e Colico ma anche le modalità sono molto diverse nel caos anti botti.

Il buon senso

Premesso che il buon senso dovrebbe evitare qualsiasi sparo poiché c’è l’allarme regionale per il pericolo di incendi dovuto all’eccezionale secco della stagione, ci sono diversi modi di interpretare il divieto che non fanno altro che spingere i festeggianti a fare spallucce e fregarsene.

Se poi si aggiunge che l’ordinanza spesso è visibile solo sull’albo pretorio on line del Comune, si può comprendere quale può essere l’efficacia del provvedimento.

Ammesso che poi ci siano i controlli, la notte di Capodanno: da parte di chi?

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA