Rischia di partorire sulla Super  Mamma scortata dalla Polstrada
La mamma è stata scortata dalla Polstrada di Bellano

Rischia di partorire sulla Super

Mamma scortata dalla Polstrada

Bellano, la famiglia di Cosio Valtellina era sulla Super

e tentava di raggiungere l’ospedale di Lecco

Bellano

Il loro figlio aveva fretta di nascere e una coppia di Cosio Valtellino, che si trovava sulla Super in direzione ospedale di Lecco, ha chiesto aiuto a una pattuglia della Polizia stradale di Bellano.

È a lieto fine la storia che vi stiamo raccontando: dopo un viaggio ad alta velocità ma scortata dalla Polstrada, la mamma ha partorito tre minuti dopo il ricovero in ospedale e tutto sembra sia andato per il meglio.

La nostra vicenda era iniziata ieri mattina presto, quando la mamma, dopo una nottata difficile, aveva capito che il figlio aveva “fretta” di venire al mondo e con il marito è salita in auto: i due sono partiti da Cosio Valtellino, destinazione ospedale Manzoni a Lecco. Alle 7,30, all’altezza di Bellano sulla Superstrada il futuro papà ha notato una pattuglia della Polizia stradale e non ha esitato a chiedere aiuto e a spiegare ai due agenti, Giuseppe e Andrea, di aiutarlo a raggiungere nel più breve tempo possibile il pronto soccorso dell’ospedale: ormai il parto della moglie era imminente, non c’era un istante da perdere.

Così è stato: gli agenti hanno scortato la vettura, garantendo alla macchina con a bordo i futuri genitori una vera e propria via preferenziale. La corsa in Superstrada è stata più che provvidenziale e con esito positivo: pochi minuti dopo il ricovero, esattamente tre, la mamma ha partorito. Una storia a lieto fine: il piccolo ha infatti corso il serio rischio di venire al mondo in auto e sulla Superstrada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA