Imprenditore di Abbadia nei guai  Arrestato per traffico illecito di rifiuti
La sede dell’azienda sotto inchiesta in via Nazionale 140, arrestato l’amministratore unico

Imprenditore di Abbadia nei guai

Arrestato per traffico illecito di rifiuti

Paolo Bonacina, 46 anni, è amministratore unico della Bps. È coinvolto nello smaltimento di 100 mila tonnellate dalla Campania

Arrestato con l’accusa di traffico illecito di rifiuti. Paolo Bonacina, classe 1971, lecchese, amministratore unico della Bps srl di via Nazionale al civico 140, e della B&B di Torre Pallavicina in provincia di Bergamo è finito in manette, nell’ambito di un’indagine svolta dai carabinieri del Noe, il nucleo operativo ecologico, di Milano sullo smaltimento illecito di rifiuti.

Indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Brescia. Il Gip di Brescia ha emesso due ordinanze di custodia cautelare e disposto una serie di perquisizioni e sequestro di beni a carico di appartenenti a una joint venture tra aziende private e pubbliche. Sono state smaltite al nord, in Lombardia, circa 100 mila tonnellate di ecoballe provenienti dalla Campania.

Arrestati con l’accusa di traffico illecito di rifiuti Paolo Bonacina e G.E, 60 anni, capo impianto della società Aral di Castelceriolo, società partecipata al 100% dalla Provincia di Alessandria. Complessivamente sono 26 le persone che risultano coinvolte nell’inchiesta ed indagate a vario titolo.

Leggete tutti i particolari sull’edizione odierna de La Provincia di Lecco

© RIPRODUZIONE RISERVATA