Discarica al Moregallo    «Mettiamo una sbarra»
La montagna di rifiuti abbandonati dopo ferragosto al Moregallo

Discarica al Moregallo

«Mettiamo una sbarra»

Rifiuti ovunque e avanzi di barbecue sulle spiagge

Servirebbero più vigili per sanzionare i turisti incivili

Il sindaco Fasoli: «A questo punto facciamo pagare il biglietto»

Accendono barbecue nonostante il divieto. Campeggiano anche se non si può. Lasciano rifiuti ovunque, e per non pagare il posteggio hanno tolto il cartello e divelto il palo che lo sorreggeva.

Terra di nessuno

L’ultima spiaggia in fondo al Moregallo è terra di nessuno. «Per tenere sotto controllo quella zona ci vorrebbero una decina di vigili, e non li abbiamo - sbotta il sindaco Riccardo Fasoli -. Non posso neppure mandarci due vigili in pianta stabile nei fine settimana. C’è un gruppo di incivili che banchetta lì e sporca ovunque, lascia di tutto e usa pure la spiaggia come bagno. L’unica soluzione sarebbe quella di posizionare una stanga e far pagare l’ingresso. Far pagare l’ingresso ad una zona senza servizi ma tanto bella, che purtroppo stanno trasformando in una discarica. Con l’incasso dei biglietti d’ingresso potremmo pagare il servizio di pulizia».

Resti di fuoco acceso, immondizia sparsa ovunque, e i meno incivili che raccolgono i rifiuti poi abbandonano i sacchetti sul ciglio della strada. Il Comune fa pulire, una o due volte alla settimana a seconda delle necessità, ma non certo tutti i giorni.

«Facciamo pulire tutti i giovedì mattina. A ferragosto è stato un disastro - prosegue Fasoli - hanno ridotto la zona ad una discarica. Ci vorerebbero più agenti di polizia locale stabili al Moregallo a sorvegliare l’area».

Un problema quello delle spiagge sporche, dei rifiuti abbandonato, che tocca tutte le località che si affacciano sul lago.

Ad Abbadia, sulla passeggiata sotto il parco Ulisse Guzzi ad inizio estate c’erano stati anche dei vandalismi, con tavoli e panchine buttate nel lago e cestini incendiati.Tutte le sere, soprattutto nel fine settimana, è la stessa storia, quando i bagnanti se ne vanno, restano cumuli di immondizia in giro. Il Comune ha deciso di posizionare lungo la costiera nuovi cassonetti per la raccolta differenziata.

Campagna di sensibilizzazione

«Abbiamo attivato una campagna di sensibilizzazione rivolta ai fruitori degli spazi a lago invitandoli a differenziare in modo appropriato i rifiuti - spiega l’assessore all’ambiente Pietro Butti -. Nonostante gli atti vandalici di inizio estate , abbiamo deciso di posizionarne altri. Crediamo che chi frequenta la nostra spiaggia tenga ad avere un ambiente sempre più pulito».

A Mandello i giardini di piazza Gera, nonostante il divieto, a ferragosto, e non solo, sono stati presi d’assalto e trasformati in una spiaggia.

Un problema che in mancanza di controlli non torva soluzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA