Concerto di musica folk e show comici  Questa sera c’è l’imbarazzo della scelta
La violinista lituana Saule Kilaite

Concerto di musica folk e show comici

Questa sera c’è l’imbarazzo della scelta

Eventi: Al Monastero del Lavello note irish accompagnate dalla violinista lituana Saule Kilaite - Alla Cooperativa di Rovagnate in programma lo spettacolo satirico “The Loser” di Galbusera

Folk e show comici animano le serate del weekend lecchese. Ecco qualche consiglio.

Riparte la stagione dedicata alla musica, le danze e le culture popolari proposta dall’Associazione “Ethnica” di Calolziocorte. Attiva dal 1997, Ethnica è pronta a una nuova stagione di proposte con il primo atto questa sera al Monastero del Lavello (dalle 21.15; ingresso libero; solo in caso di meteo favorevole).

A Calolziocorte

In programma oggi a Calolziocorte lo spettacolo “Le Terre d’Irlanda” con l’esibizione del corpo di ballo “La Compagnia TraBallante” (altra storica realtà del territorio la cui fondazione risale al 2000 come espressione danzante di Ethnica) accompagnata dal vivo dagli Irish Swing. Oggi protagonista non solo la band composta da Milo Molteni al violino e Jacopo Ventura alla chitarra, chiaramente dedita a un repertorio che attinge alle tradizioni irlandesi; special guest stasera anche la violinista Saule Kilaite, lituana, straordinaria interprete di uno stile che imbracciando il violino coniuga classico e moderno, sperimentazione e contaminazione di diversi linguaggi espressivi, in show che la vedono protagonista sovente accompagnata dai corpi di ballo.

A Rovagnate

La Coop Cooperativa di Rovagnate presenta oggi lo spettacolo comico “The Loser” di Matteo Galbusera (via Vittorio Veneto 54; dalle 21.30). Reduce da una tournée italiana ed europea, Matteo Galbusera (interprete e autore dello spettacolo; con regia di Adrian Schvarzstein; una coproduzione MirabiliaFestival&FestinaLente) va in scena nella Brianza lecchese con questo show comico, in cui si racconta la vicenda di un solitario e frustrato impiegato delle poste, che trascorre le domeniche a pescare sul fiume. Un semplice hobby? No, piuttosto l’occasione per evadere, sognare, ricordare e riflettere. Immaginandosi di essere un’altra persona.

Doppio live per gli Aquaraja: domani alla festa dell’oratorio di Olginate, e il bis domenica allo “Street Fud Festival” di Bellano (ore 21; ingresso libero). La giovane band nata nel rione di Acquate tre anni or sono, composta da Marco Panzeri (chitarra e voce), Gianni Fioretta (batteria e voce), Andrea Pozzi (tastiere e fisarmonica), Jacopo Lomboni (sax e armonica), Federico Airoldi (basso) e Luca Dell’oro (chitarra e voce), si è da tempo dedicata agli omaggi in salsa folk laghée. Nata come formazione pop, infatti, la band degli Aquaraja ha presto virato in direzione di Davide Van De Sfroos, mettendo a punto un repertorio di cover del cantautore-simbolo del Lario. In genere il gruppo rende omaggio anche ai Vad Duc, formazione dialettale ticinese. Oltre alle cover, gli sforzi degli Aquaraja hanno “partorito” anche qualche brano inedito che s’inserisce nel solco desfroosiano e quindi s’inscrive nell’universo del folk-popolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA