Beethoven e Schumann per iniziare
L’Orchestra Sinfonica Mav di Budapest è oggi tra le migliori compagini dell’Est europeo

Beethoven e Schumann per iniziare

Amici della MusicaLa Sinfonica Mav di Budapest inaugura stasera una stagione di altissime qualità e varietà

Sul palco diretti dal Maestro Vitello anche i solisti Bortolotto (violino), Cicchese (violoncello) e Leonardi (pianoforte)

Due mostri sacri della musica, Ludwig van Beethoven e Robert Schumann, terranno a battesimo la nuova stagione sinfonica degli “Amici” di Sondalo, su cui oggi alle 20,45 si alza il sipario al Teatro Sociale di Sondrio. Una stagione che si annuncia variegata e spumeggiante sia per gli esecutori che per i compositori in programma. Sul podio per il primo appuntamento il maestro Andrea Vitello, che dirigerà l’Orchestra Mav di Budapest in tournée in Italia, e i solisti Laura Bortolotto (violino), Amedeo Cicchese (violoncello) e Francesca Leonardi (pianoforte).

Il programma

Di Beethoven verranno eseguiti l’Ouverture in do maggiore, op. 43, dal balletto “Le creature di Prometeo” , che ci svela il Beethoven della prima maturità e il “Triplo concerto” per pianoforte, violino e violoncello, op. 56, una partitura godibile all’ascolto in quanto piuttosto incline agli… effetti speciali, nella quale il genio tedesco strizza l’occhio al genere brillante e salottiero.

Cambio di registro invece con la Sinfonia n. 2 in do, op. 61, di Schumann, opera meditativa nel contenuto e controllata nel linguaggio, dai cupi toni orchestrali. Il malinconico fagotto dell’adagio dimostra come il compositore sia capace anche di struggenti momenti di serena intimità; il finale sprigiona una luce e un’energia che contrastano con i toni del primo movimento della sinfonia e che inducono a un cauto ma risoluto ottimismo.

L’Orchestra Sinfonica Mav di Budapest, fondata nel 1945 dalle Ferrovie Ungheresi e composta da 90 professionisti, è oggi tra le migliori compagini (anche in forma cameristica) dell’Est europeo. Si esibisce con successo sia in patria e all’estero. Numerose le partecipazioni a importanti festival europei, come Vienna, Salonicco, Roma. Nel 1988 la Mav ha suonato per Papa Giovanni Paolo II nella residenza estiva di Castelgandolfo.

A dirigere la formazione ungherese sarà il maestro Andrea Vitello. Compositore e direttore d’orchestra, attualmente direttore musicale dell’Orchestra Nazionale Artes e direttore principale dell’Ensemble Bios, collabora con enti quali i Pomeriggi Musicali di Milano, il Divertimento Ensemble, l’Orchestra da Camera Fiorentina ecc.

Talentuosi destinati al successo

Laura Bortolotto è nata nel 1995, si è diplomata a 14 anni al Conservatorio “G.Tartini” di Trieste a pieni voti. Ha ottenuto premi in concorsi anche internazionali. Recentemente fra i vincitori della rassegna Migliori Diplomati d’Italia a Castrocaro Terme, ha potuto partecipare all’incisione di un cd per la rivista Suonare News. È stata solista in numerose orchestre (Deutsche Kammerorchester Berlin, Nazionale dell’Ucraina, Nuova Orchestra Busoni di Trieste). Si è esibita al Mozarteum di Salisburgo, al Teatro Filarmonico di Kiev, all’Apollinee della Fenice di Venezia. Nel 2010 ha ricevuto dal l’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano l’Attestato d’Onore “per le sue raffinate qualità di giovane violinista”.

Stupirà con il suo violoncello Amedeo Cicchese, classe 1988, diplomato a 17 anni col massimo dei voti e lode. Si è formato con Enrico Dindo all’Accademia di Pavia e con Giovanni Sollima alla Santa Cecilia di Roma. Vincitore di concorsi anche internazionali, ha debuttato da solista a soli 16 anni ed è stato scelto da Riccardo Muti come primo violoncello dell’Orchestra Cherubini. Presso l’Accademia Chigiana di Siena, gli è stato conferito il “Diploma d’Onore” dal Quartetto Alban Berg. Ha inciso parecchi cd.

Al pianoforte stasera Francesca Leonardi. Classe 1984, suona con successo fin dall’età di 16 anni. Nel 2015 ha partecipato al Concerto della Memoria al Parco della Musica a Roma, trasmesso su Rai 5. Si è inoltre esibita presso la Sala Verdi del Conservatorio, l’Auditorium e il Teatro dal Verme a Milano, la Royal Albert Hall a Londra ecc. Ha effettuato tournées in Giappone, Cina, Usa, Argentina e Brasile.

Ha formato un duo col noto pianista inglese Nigel Clayton ed è oggi docente di musica da camera al Conservatorio “G. F. Ghedini” di Cuneo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA