Venerdì 23 ottobre 2009

La verità di Bruno Lonati
sulla morte di Mussolini

«Ora passerò al racconto dell’esecuzione di Mussolini, che portai a termine con altri tre resistenti. Per quel che riguarda me e l’inglese che vi partecipò, il silenzio sulla vicenda è stato assoluto, fu qualcosa che rimase in noi un patto d’onore». Così Bruno Giovanni Lonati anticipa quello che, più ampiamente, racconterà sabato pomeriggio nella Libreria Cavour di Lecco dove, alle ore 17,30, presenterà il suo libro «Quel 28 aprile. Mussolini e Claretta: la verità» (Mursia, pagine 120, euro 15). Sulle ultime ore di Mussolini e di Claretta Petacci molto è stato detto e scritto nel corso degli anni. Uno degli eventi più drammatici legati alla Seconda guerra mondiale, oggetto di innumerevoli inchieste e testimonianze, ha finito per diventare un enigma sul quale molti, non sempre in buona fede, hanno espresso la loro opinione. L’autore, testimone e protagonista della vicenda, racconta, sul filo della memoria, quella fatidica «missione di guerra» dove un ruolo non secondario avrebbero avuto agenti segreti britannici che non volevano un processo pubblico a Mussolini. Una testimonianza che ha aperto inquietanti interrogativi su ciò che accadde davvero quel 28 aprile del 1945.

a.sala

© riproduzione riservata