Valgreghentino: bocconi al veleno  uccidono i gatti a Villa San Carlo
Uno dei bocconi rinvenuti, la sostanza azzurra è un potente topicida

Valgreghentino: bocconi al veleno

uccidono i gatti a Villa San Carlo

Due mici non ce l’hanno fatta, altri due stanno malissimo - Una trappola al topicida denunciata ai carabinieri

Due gatti morti e due in pessime condizioni di salute. In via don Amedeo Airoldi in frazione San Carlo, c’è qualcuno che odia i gatti e butta bocconi avvelenati, contenenti un forte topicida.

Bocconi di carne con veleno, come quelli già rinvenuti nei mesi scorsi sempre nella stessa zona. L’odio che qualcuno nutre nei confronti dei gatti rischia di diventare un pericolo anche per i bambini. I bocconi infatti sono stati ritrovati dai volontari della Lac, la Lega per l’abolizione della caccia, in un’area verde dove spesso giocano i bambini del vicino condominio.

A denunciare la situazione è Sandro Lavelli, portavoce della Lac. «Ieri pomeriggio siamo stati contattati per alcuni gatti che versano in pessime condizioni per un sospetto avvelenamento, e altri addirittura morti. Siamo corsi in via Airoldi e abbiamo subito contattato i carabinieri di Olginate, a cui abbiamo sporto denuncia contro ignoti – racconta Lavelli -. Già in passato alcuni gatti erano stati trovati morti e quest’ultimo caso ci preoccupa molto visto che il rischio è che anche qualche bambino resti avvelenato».

I particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola domenica 18 dicembre 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA