Paura per una ragazza   colpita da meningite
VALMADRERA = UNO SCORCIO DELLE SCUOLE MEDIE ( SCUOLA MEDIA ) - NELLA FOTO IL MURALES REALIZZATO DA GIOVANNI CALABRETTI - CARDINI - 25-9-2013 (Foto by cardini cardini)

Paura per una ragazza

colpita da meningite

La ragazza va a scuola a Valmadrera, sta meglio e non è stata necessaria la profilassi

È stata colpita da una forma non virale di meningite, la studentessa tredicenne che, residente a Bosisio, frequenta le scuole medie di Valmadrera, dirette da Stefania Perego. La ragazza sta meglio; il quadro clinico sta andando delineandosi in modo più confortante di quanto non fosse apparso nella serata di martedì, quando l’adolescente è stata ricoverata d’urgenza all’ospedale “Manzoni” di Lecco. Infatti, i sintomi che aveva cominciato ad accusare nelle ore precedenti si erano acutizzati, manifestandosi nella forma più classica e allarmante: cioè, febbre alta e rigidità delle spalle e del collo. Se, inoltre, si fosse trattato di una forma contagiosa, avrebbe determinato conseguenze anche per i famigliari e l’intero istituto scolastico frequentato dalla giovane.

Ieri mattina, l’azienda sanitaria territoriale Ats Brianza le ha invece escluse: ha comunicato di avere «immediatamente avviato l’inchiesta epidemiologica, rilevando che il germe che ha interessato la persona non è di quelli che necessitano di prevenzione sui contatti». Dunque, nessuna profilassi nella scuola di Valmadrera, dove l’amministrazione comunale ha subito diffuso l’informazione, almeno sotto questo profilo rassicurante. In ogni caso, per ulteriori eventuali chiarimenti, l’Ats ha reso noto il numero da chiamare – il 800 512 328 - a disposizione di tutti, in orario di ufficio; la preoccupazione è comprensibilmente alta, visto il ripetersi dei casi che, in tutt’Italia - con esiti talvolta fatali - e nel Lecchese si susseguono. Una forma di meningite, nel 2014, proprio a Bosisio, aveva costretto alla profilassi l’intera scuola materna di Garbagnate Rota; in diversi altri casi, i pazienti – come l’anziana di Casatenovo ricoverata in Rianimazione lo scorso agosto – hanno contratto forme non contagiose; era batterica anche la meningite che ha colpito la neonata di Valletta Brianza a febbraio.n P.Zuc.

© RIPRODUZIONE RISERVATA