In troppi non pagano   tagliata l’acqua
La zona del condominio di via San Carlo, nella frazione Levata di Monte Marenzo, poco lontano dalla Lecco-Bergamo

In troppi non pagano

tagliata l’acqua

A Monte Marenzo ventidue famiglie nel palazzo alla Levata e una dozzina non salda le bollette da tempo. La società ha chiuso i rubinetti per oltre un giorno poi la mediazione su richiesta di chi è sempre stato in regola

Se al condominio di via San Carlo 29 martedì l’acqua è tornata a sgorgare dai rubinetti, è solo grazie al polverone sollevato da un residente, che suonando a tutti i campanelli (metaforicamente) è riuscito a indurre la società erogatrice a tornare sui propri passi e a riattivare il servizio.

Per oltre un giorno, però, tutte le 22 famiglie della palazzina che sorge nella frazione Levata sono rimaste assolutamente all’asciutto, con tutti i disagi e i problemi igienici che ne conseguono. La causa? Una parte consistente dei nuclei familiari ormai da tempo non versa la propria parte di soldi all’amministratore per il pagamento delle relative bollette. E Hidrogest, che ormai da mesi sollecita il saldo (si parla di circa 13 mila euro di debito arretrato) e minaccia il taglio, ha deciso di passare all’azione.

Da lunedì a metà pomeriggio di martedì, infatti, l’acqua è stata un miraggio per le decine di abitanti del condominio, tra i quali anche bambini e disabili.

Tutti i dettagli negli ampi servizi su “La Provincia di Lecco” in edicola mercoledì 19 ottobre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA