I bisogni non vanno in vacanza  C’è la Banca del tempo
Il ottobre tornerà la giornata del baratto

I bisogni non vanno in vacanza

C’è la Banca del tempo

Il consiglio direttivo anticipa i programmi Servizio continuato anche a luglio con sportelli aperti In autunno confermate attività con scuole e associazioni

Il consiglio direttivo dell’associazione “Banca del tempo”, presieduta da Flavio Passerini, ha deciso che non si chiude per ferie: almeno, non per tutto luglio.

Necessità sempre elevate

«Infatti, rimane elevata la necessità – dice - di trovare chi possa aiutare nelle necessità quotidiane di tante famiglie; per ora, coi nostri volontari, riusciamo a garantire il sostegno alla comunità mantenendo, appunto, gli sportelli regolarmente aperti».

La “Banca del tempo” è, notoriamente, un’associazione di promozione sociale, formata da cittadini che scambiano beni, servizi e competenze conteggiando in ore, e non in denaro, il controvalore: perciò, i soci offrono parte del proprio tempo e, ad ogni loro attività, corrisponde un “monte ore” depositato nella banca, che, al bisogno, può essere riscosso.

«Settembre e ottobre – anticipa Passerini - saranno anch’essi mesi di forte attività, perché vedranno l’associazione impegnata anche nella realizzazione di progetti nuovi. Per questa ragione, a metà settembre incontreremo i nostri soci, sia a Valmadrera, sia della filiale di Galbiate; quanto alle attività consolidate, e solo apparentemente di minore peso, confermiamo già da adesso i tornei di carte, che riprenderanno Galbiate e a Valmadrera con lo scopo di aggregare chi, altrimenti, vivrebbe molti più momenti di solitudine.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola giovedì 13 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA