Lecco pensa al Bione   ma ci vorrà tanta pazienza
Cristofoli si toglie di dosso il peso del gol, a lungo atteso dai tifosi blucelesti

Lecco pensa al Bione

ma ci vorrà tanta pazienza

Serie D. La squadra dei sette risultati utili consecutivi fa esultare anche l’assessore a Lavori pubblici e Patrimonio. Di Nunno vorrebbe avere i rettangoli del centro sportivo, l’idea piace sperando che la burocrazia si faccia da parte

Il Lecco vince (2 a 0 al Trento e settimo risultato utile consecutivo) e in tribuna d’onore esulta anche l’assessore ai Lavori pubblici e al Patrimonio, Corrado Valsecchi.

Un amministratore, certo, ma anche un tifoso del Lecco, seppur non dei più sfegatati (è un nerazzurro senza “se” e senza “ma”).

«Ho visto un buon Lecco, in miglioramento. D’altronde con gente come Bertani e Cristofoli davanti, il Lecco può sempre fare male agli avversari. E dietro ha un grande portiere».

Ma Valsecchi è anche l’assessore coinvolto nella partita Bione e, come assessore al Patrimonio, anche nella manutenzione del terreno di gioco del Rigamonti-Ceppi.

Il presidente Di Nunno vorrebbe i campi del Bione, anche per i giovani. L’idea piace ma la sensazione è che ci vorrà del tempo, sperando che la burocrazia si faccia da parte.

Tutti i dettagli negli ampi servizi della pagina speciale dedicata alla serie D, su “La Provincia di Lecco” in edicola venerdì 3 novembre, con approfondimenti anche sullo scout bluceleste e sull’Olginatese in crescita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA