Boschi, De Bortoli

e l’onere della prova

In una sequenza memorabile di Amarcord, Federico Fellini pennella un ritratto straordinario, spassoso e acutissimo del cialtronismo manesco che ha informato la parabola autoritaria nel nostro paese e il dominio di una cultura del sospetto dagli aspetti grotteschi, ma gravido di conseguenze.

Il padre del protagonista viene convocato nella sede del fascio perché etichettato come anarchico e lì il regista illustra tutti i tipi umani del regime: il toscano violento e bestemmiatore, il romagnolo finto cordiale ma specialista dell’olio di ricino, gli sgherri delle squadracce, l’ideologo meridionale della seconda ondata sulla sedia a rotelle e la capigliatura alla Napoleone. Una magistrale autobiografia della nazione. E la domanda chiave dell’interrogatorio è la seguente: “Come mai ti hanno sentito dire questa frase: se Mussolini va avanti così, io non lo so…”. Lui nega, ma il gerarca incalza: “Cosa intendevi dire con io non lo so? È una minaccia? Sfiducia nel fascismo? Propaganda sovversiva?” e mentre viene costretto a bere l’olio, il napoletano chiosa amareggiato: “Che scena disgustosa… È questo che ci addolora… questa ostinazione a non voler capire… ma pecché? ma pecché?”.

Applausi. Uno spezzone da cineteca, visibile su Youtube digitando “Fellini Amarcord se Mussolini va avanti così”. Un genio assoluto che gioca con quella deformazione che da un si dice detto da chissà chi e senza alcuna prova arriva alla purga salutare per il malcapitato oppositore. Niente a che fare con la devastazione psichica dei totalitarismi nazista e comunista - sullo stile della sequenza iniziale de “Le vite degli altri” o della terza stagione della mitologica serie tv “Fargo” - ma sghignazzante, infida e purulenta nel peggior costume italiota.

Beh, quella non è roba da fascisti. Non solo. Come tutti i maestri, Fellini ha colto un carattere eterno della schifezza umana che va ben oltre gli anni Trenta, testamento spirituale di un atteggiamento culturale che lega la realtà all’ideologia, all’apriorismo, alla maldicenza antropologica, lombrosiana che, a prescindere, decide chi ha torto e chi ha ragione, chi vessa e chi subisce. Non importa se un fatto sia vero o no. Importa solo che sia verosimile, che sia percepito. Nel mondo delle post verità, il discrimine non è più se i contenuti siano veri oppure no, ma se diventino virali oppure no. L’aria che tira. L’atmosfera. Il pettegolezzo. Il sentito dire. Il non poteva non sapere. Il mainstream. L’impermanenza della verità. Il venticello della calunnia. E questo è quanto.

Ne è esempio eclatante l’ultima polemica contro il ministro Boschi, accusata dall’ex direttore del Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli, di aver fatto pressioni sull’ad di Unicredit, Federico Ghizzoni, per salvare l’istituto di papà, Banca Etruria. Accusa grave, oggettivamente, che Boschi ha negato, annunciando querela. De Bortoli ha confermato, Ghizzoni non commenta. Questi i fatti fino a oggi. Quindi, la parola di uno contro la parola dell’altra. Quindi, secondo la logica stringente e adamantina del Giornalista Collettivo, che rappresenta sempre il Cretino Collettivo, Boschi è colpevole. Punto. Non ci sono prove, né scritte, né audio, né video, né intercettazioni, né pizzini, né atti ufficiali, ma solo il “sicuro delle mie fonti” detto da De Bortoli, ma senza nomi e senza conferme. Però Boschi è colpevole. E il silenzio di Ghizzoni lo dimostra. Perché Ghizzoni non parla? Perché è timido? Perché ha firmato un contratto di riservatezza? Perché un praticante del Corriere gli ha fatto trovare una testa di cavallo nel letto? Perché un fattorino di Banca Etruria gli ha recapitato una testa di maiale davanti a casa? Mistero. Quindi, Boschi è colpevole.

Ora, il ministro è personaggio di dubbia competenza e di simpatia equivalente a quella di un calcio nei denti, avatar di un altro fenomeno che prometteva di cambiare l’Italia e che adesso briga come un sottosegretario doroteo. Ma anche per lei, come per chiunque altro, dovrebbe valere l’onere della prova. Della pistola fumante. Del dato schiacciante e inoppugnabile. Altrimenti sono chiacchiere. Chiacchiere e distintivo. Conformismo. E l’argomento su cui - ad ora - si basa l’accusa, cavalcata con sguaiatezza penosa da grillini, bersaniani, leghisti e tutto il resto del mondo antirenziano, è cioè che è impossibile che un giornalista autorevole come De Bortoli si inventi un’accusa senza averne le prove, fa ridere. Probabilmente le ha e le tirerà fuori al momento opportuno, dopo aver fatto friggere il ministro, ma per ora l’argomento è tartufesco. Come quello del Mussolini di Amarcord.

E che diamine, anche il direttore della Provincia è autorevole, anzi, autorevolissimo (chiedete in redazione e vedrete che conferme entusiastiche…), ma se scrivesse che il consigliere Bianchi di Lipomo ogni giovedì molesta i bambini all’uscita dall’asilo o che l’assessore Rossi di Mandello ogni venerdì ruba le offerte in sacrestia o che l’ex ministro Verdi di Chiavenna ogni sabato si traveste da Zagor e si fa frustare da due minorenni, dicendo che è sicuro delle sue fonti, lo attaccherebbero su per i piedi. Perché se vale questo, allora vale tutto, dando la stura alla sagra delle maldicenze e dei luoghi comuni. Vogliamo parlare delle infermiere che ci stanno con tutti, dei commercianti che sono tutti evasori, dei meridionali che non hanno voglia di lavorare, dei negri che hanno il furto nel sangue o, magari, degli ebrei col naso a becco che lo sanno tutti che sono i veri padroni del mondo? Siamo sicuri delle nostri fonti anche su questo, a quanto pare.

Ma che argomenti sono? Ma che società è? Che informazione è quella che prescinde dalla realtà e parte per la tangente del così dicono? E poi, diciamoci la verità, la favola del giornalistone che si erige a fustigatore del sistema di potere italiano dopo aver diretto per lunghissimi anni il tempio di tutti i poteri italiani se la beve solo un bambino. E qui, purtroppo, nessuno è più un bambino.

d.minonzio@laprovincia.it

@Diegominonzio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (5) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
MaxZeta
Max Zeta scrive: 16-05-2017 - 11:55h
Giusto per precisare : La parola ( magari vera ) è di qualcuno che ha detto a De Bortoli che gli ha detto Ghizzoni che la Boschi si è interessata a Banca Entruria. Il tutto liquidato in 11 righe .. fosse vero , ci si potrebbe scrivere un libro ! Il punto è : la ministra ha mentito dicendo che non si fosse occupata di Banca Etruria ? ( benchè da un ministro mi aspetterei un interessamento, ma anche la verità a domanda precisa ) . E quando scopriremo che ha mentito la leviamo dal gruppo dei politici che NON mentono lasciandolo di nuovo vuoto ?
Mario Pana scrive: 16-05-2017 - 09:58h
Solo che De Bortoli non fa il magistrato, che ha bisogno di prove. Fa il giornalista. Quindi (prendendosi la responsabilità di quello che scrive) può pubblicare ciò che vuole. E non ha scritto che la Boschi si traveste da infermiera, ma che "si è interessata" all'affare Etruria. Sì badi bene: non "ha condizionato" o "influito": si è solo interessata. Ferruccio nostro non spara se non è sicuro di aver mirato bene. Non è questione di avere le prove o meno, ma di quando e come le potrebbe tirare fuori. Non sono così sicuro che Maria Elena si voglia scottare nel tentativo di cucinare un giornalista... Fossi in lei ci penserei bene.
luca boselli scrive: 15-05-2017 - 22:11h
Però il CdS non accusa Boschi di illeciti e nemmeno di forte capacità di fare pressione. L' accusa è di familistico provincislismo. Probabilmente si ritiene che altri possano essere più influenti nel sistema bancario. Pare che per qualcuno ci voglia un drago...
alberto albonico scrive: 15-05-2017 - 20:38h
De Bortoli aveva necessità di grande risonanza per l' uscita del suo libro e ha scelto un bersaglio facile. Credo che la Boschi piaccia ben a pochi e che difendere i suoi conflitti di interessi sia cosa ardua ma qui tira aria di: sparla, sparla, qualcosa resterà ......
Vedi tutti i commenti