Ritrovato senza vita il cercatore di funghi di Talamona
Per il recupero è intervenuto anche l’elicottero, il tecnico di elisoccorso del Cnsas (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) lo ha poi verricellato a bordo e portato a valle.

Ritrovato senza vita il cercatore di funghi di Talamona

Stamattina il corpo dell’uomo è stato avvistato in un canale molto ripido, senza vita.

Ritrovato senza vita il cercatore di funghi di Talamona disperso da ieri. L’uomo, Giovanni Tirinzoni, 60 anni, conosceva molto bene i posti ed era uscito in mattinata senza però fare rientro come al solito. I familiari verso sera si sono allarmati e hanno chiesto aiuto. Le prime ricognizioni con l’elicottero e con le squadre territoriali non hanno avuto esito.

Stamattina il corpo dell’uomo è stato avvistato in un canale molto ripido, senza vita. Per il recupero è intervenuto anche l’elicottero, il tecnico di elisoccorso del Cnsas (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) lo ha poi verricellato a bordo e portato a valle. Impegnati anche oggi nelle ricerche una ventina di tecnici della Stazione di Morbegno, VII Delegazione Valtellina - Valchiavenna, il Sagf - Soccorso alpino Guardia di finanza, i carabinieri, i vigili del fuoco e la Protezione civile.

La stagione dei funghi è cominciata e di solito comporta un aumento degli incidenti legati a questa pratica, spiegano dal Soccorso alpino. La prevenzione è molto importante e richiede la conoscenza dei luoghi, abbigliamento e calzature con una buona presa sul terreno, un telefonino per comunicare eventualmente la richiesta d’aiuto o la posizione geografica, ma soprattutto una valutazione attenta del terreno e dei possibili rischi. Informazioni sulla sicurezza per i cercatori di funghi sono pubblicate sul sito sicurinmontagna.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA