Lunedì 29 luglio 2013

Malgrate:«Fuorilegge i pass

Schedano le nostre abitudini»

La frazione Porto di Malgrate in queste settimane stretta anche nella morsa del traffico

Malgrate Pass elettronico «fuorilegge»: minaccia la privacy, registrando giorni e orari che i possessori trascorrono a casa e fuori.

Per giunta, l’apparecchio è implacabile nel suo ruolo di favorire – anzi, obbligare – la rotazione delle auto nei posteggi a pa

gamento, delimitati in blu dal Comune su tutto il lungolago con l’intenzione di «favorire visitatori e attività commerciali».

Per l’amministrazione, le soste prolungate dovrebbero avvenire nelle zona a sosta libera, gratuite ma periferiche perciò scomode (e, secondo numerose testimonianze, esposte a vandalismi e furti); sta di fatto che il Comune ha trovato il modo per obbligare i residenti a sloggiare dalle aree blu dopo un massimo di quarantotto ore ininterrotte.

La delegazione degli abitanti di Porto (dove le strisce sono pressoché ovunque blu) che reagisce contro i nuovi rilevatori, esorta i malgratesi a «non ritirare i pass elettronici per protesta e, chi già l’avesse fatto, a esporli proprio inattivi»: così, finché non verrà raggiunta un’intesa col Comune.

Tutti i dettagli nel servizio su “La Provincia di Lecco” in edicola martedì 30 luglio.

Patrizia Zucchi

© riproduzione riservata