Lecco. Un’infornata di lauree  al Politecnico 78 nuovi ingegneri
Tra corsi triennali e magistrali sono stati 78 i giovani che si sono laureati (Foto by Foto Menegazzo)

Lecco. Un’infornata di lauree

al Politecnico 78 nuovi ingegneri

La discussione delle tesi in aula magna, sono stati consegnati anche i premi “Katia Corti”. Il golf club ha donato quattro tessere gratuite

È stato un pomeriggio ricco di emozioni, quello che ha animato il campus di via Previati del Politecnico.

In 78, infatti, sono stati protagonisti della duplice cerimonia di consegna del diploma di laurea (39 triennali e altrettante magistrali).

Docenti e pro rettore

Tra gli applausi di familiari, colleghi e amici e con le congratulazioni dei docenti, guidati dal prorettore Marco Bocciolone, i ragazzi hanno coronato i loro sforzi.

Nell’ambito della cerimonia si sono svolte anche le consegne del premio “Golf club Lecco” e del premio di studio “Katia Corti”.

Nel primo caso, il presidente del sodalizio Walter Fontana ha voluto mettere a disposizione di studenti meritevoli del Politecnico di Milano 4 quote socio annuali gratuite, con l’obiettivo di avvicinare i giovani al green.

I vincitori (due del Polo di Lecco e due delle altre sedi dell’ateneo, scelti tra le 23 richieste pervenute), vantano una media voto di 29,27 e dunque avranno la possibilità di cimentarsi sui prati di Annone, potranno usufruire gratuitamente di lezioni di golf, noleggio delle attrezzature e accesso al campo pratica oltre al libero utilizzo dei servizi messi a disposizione dal club come piscina e ristorante. Si tratta, per il campus di via Previati, di Giuseppe Galbiati e Alessandro Cefis, mentre per gli altri Poli territoriali il pass è andato a Lorenzo Molteni ed Edoardo Trabace di Milano.

La proposta, avanzata qualche settimana fa da Fontana al Politecnico, è stata accolta con molto favore dall’ateneo, che «riconosce il forte potenziale dello sport inteso come portatore di benessere e di valori importanti per la crescita personale e professionale dei suoi studenti». Non per niente, grazie all’attività di Polimi Sport, promuove il coinvolgimento dei giovani nelle pratiche sportive agonistiche e amatoriali a 360 gradi.

Sempre ieri, i riflettori si sono posati anche sul premio di studio promosso dal Polo territoriale di Lecco grazie al sostegno del Lions Club San Nicolò e intitolato a Katia Corti, la giovane mamma e professionista scomparsa alla fine di luglio del 2010 a causa di un male incurabile.

Il presidente del sodalizio Maurizio Meda e il figlio di Katia, Giovanni, hanno consegnato i premi: sugli scudi il progetto “ReviVIS, riqualificazione dell’ex-Vismara a Casatenovo. Progetto di un nuovo centro culturale, residenze e spazi pubblici”, realizzato da Luca Colombi, Marco Cusumano e Andrea Granaglia.

Tre menzioni

Assegnate anche tre menzioni a titolo gratuito ad altrettanti elaborati di particolare qualità: “Wake-Up: un nuovo polo sportivo per il recupero dell’area Precampel a Bosisio Parini”, di Giulia Margherita Bernardi, Sara Fumagalli, Giuliano Grossi; “Una torre per la nuova sede del Comune di Milano”, di Matteo Branca, Luca Colombo, Maria Teresa Dragone; “Bonaventura 2.0” di Sara Girola, Leopoldo Luchini, Luigi Menna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA