Giovedì 09 ottobre 2014

Lecco: la Equilibrium

Una start up da premiare

I mattoni realizzati in canapa dalla lecchese Equilibrium

Ad assicurarsi nei giorni scorsi la menzione speciale nel settore Clean Tech del premio “UniCredit Start Lab” 2014 è stata l’azienda lecchese Equilibrium, definita dagli organizzatori «tra le migliori idee imprenditoriali italiane ad alto potenziale».

«Con il programma UniCredit Start Lab – dichiara il lecchese Luciano Binda, area manager Lombardia Nord di UniCredit – abbiamo voluto definire un percorso preciso e strutturato per supportare dalla fase di lancio a quella di espansione le idee imprenditoriali più innovative che ci sono state presentate. Il fatto che una start-up lecchese abbia ricevuto una menzione speciale è sintomatico del dinamismo di questo territorio, del suo potenziale di innovazione e dell’esistenza di condizioni ottimali per lo sviluppo e valorizzazione di progetti ad alto contenuto d’innovazione. Da parte nostra sentiamo forte l’impegno e la responsabilità nel supportare finanziariamente le aziende innovative dei nostri territori».

Già premiata nella primavera scorsa a Lecco fra i “Giovani innovatori d’impresa” dalla Camera di commercio in occasione della 12ma Giornata dell’economia, l’azienda continua a riscuotere interesse per il suo impegno nel ripristinare la filiera della canapa in Italia nei due comparti della bioedilizia (per cui è stata premiata) e della nutraceutica, per l’uso alimentare dei derivati del seme di canapa.

I protagonisti della start up sono cinque. C’è Paolo Ronchetti, co-fondatore e general manager, una laurea in Economia e un passato lavorativo nel settore motociclistico, ma anche anni di lavoro in Irlanda dopo un Master in Sviluppo sostenibile al Dublin Institute of Technology. Altra co-fondatrice è Barbara Ceschi a Santa Croce, imprenditrice dell’agro industriale della canapa tessile con esperienza internazionale di import export nei paesi orientali.

Poi Gilberto Barcella, direttore tecnico, Daniele Lombardo, direttore amministrativo e Andrea Polvara a capo della produzione con all’attivo 20 anni di lavoro in ruoli tecnici all’interno di primarie aziende del Lecchese.

Il nuovo premio di Unicredit è arrivato di nuovo per il Natural Beton, materiale in canape e calce che assicura benessere abitativo e risparmio energetico. Un materiale che, per ogni mc prodotto, cattura 60kg di Co2 dall’atmosfera.

Ronchetti si dice «orgoglioso» del nuovo riconoscimento e spiega che «con piacere notiamo come stia aumentando la fiducia verso start up meritevoli e in grado di portare sul mercato prodotti innovativi frutto di forti competenze tecniche e manageriali». Ora, aggiunge, si continua sul «modello benefit corporation, un approccio nuovo per creare contemporaneamente valore economico, ambientale e sociale».

© riproduzione riservata

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare