Giovedì 05 settembre 2013

L’addio a Lucio Battisti

Ma rimarrà il monumento

Anche in bicicletta sulla tomba del grande artista

Venerdì 6 settembre sarà il giorno delle lacrime, davanti alla tomba di Lucio Battisti: come quindici anni fa, come per il funerale; in effetti sarà un paradossale secondo, ultimo addio.

Via da Molteno, dalla «Brianza velenosa», dalle giornate spesso uggiose, verso l’eterna Roma forse o la solare Rimini celebre per il suo mare anche d’inverno.

Forse i fan potranno minimamente consolarsi: qualcosa da ricordare e su cui piangere resterà loro; cioè, proprio quell’edificio tetro e spoglio.

«La cappella non possono portarsela via – osservava il consigliere comunale delegato all’Anagrafe, Angelo Casiraghi, pensando ai famigliari –. Ovvero: la concessione è per un secolo, è stata pagata a tempo debito. La cappella non può essere rivenduta, per quanto ne so, secondo i regolamenti».

Dunque, il simulacro della tomba di Battisti a Molteno potrà continuare a ricevere l’omaggio degli estimatori. Ciò non frena lo sdegno.

Patrizia zucchi

© riproduzione riservata