La sfida di Prato Buscante  «Vacche e cavalli, due mondi da unire»
Pasturo - Quest’anno tra i protagonisti anche muli e asini, oltre ai cavalli (Foto by Mario Vassena)

La sfida di Prato Buscante

«Vacche e cavalli, due mondi da unire»

Pasturo, la Zootecnica fra tradizione e innovazione

Melesi: «Gli agricoltori ci aiutano, la gente risponde»

Unire due mondi dell’allevamento: quello storico delle vacche e quello dei cavalli, che sta sempre più prendendo piede con il proliferare dei ranch.

Il trait d’union di questo nuovo filo conduttore delle Manifestazioni zootecniche di Prato Buscante, che si svolgono dal lontano 1925, è la transumanza di ieri sera. Da Morterone sono partiti 62 cavalli che alla Culmine hanno incontrato 50 vacche che sono stata accompagnate fino a valle.

«Stiamo cercando di unire i duo mondi – afferma Attilio Melesi, segretario del Centro zootecnico della Valsassina – Le vacche rappresentano la tradizione, i cavalli piacciono di più ed attirano la gente. Il nostro sogno sarebbe riuscire a fare una settimana intera di manifestazione, come a Verona. Siamo contenti della risposta della gente. Abbiamo iniziato l’anno scorso e dobbiamo ringraziare gli agricoltori che ci aiutano. Abbiamo cercato di collaborare con tutti».

L’articolo completo e l’approfondimento sul giornale in edicola domani, domenica 24 settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA