Martedì 16 settembre 2014

La Comunità montana

elegge Signorelli presidente

Il neopresidente comunitario Carlo Signorelli

Carlo Signorelli è il quattordicesimo presidente della Comunità montana, nata quarant’anni fa.

Venticinque voti su ventotto (assenti i comuni di Casargo, Crandola e il commissario prefettizio di Esino) per l’accordo di larghe intese, che il neopresidente ha definito un «risultato leale e costruttivo tra le forze politiche, che non ha nulla a vedere con la logica dell’inciucio – ha sottolineato Signorelli - ma è un patto sancito dal segno tangibile e preciso dell’assunzione di responsabilità politica per affrontare le sfide dell’oggi, indicando la strategia per il domani. È tempo di rispondere alle nostre comunità guardando oltre gli steccati ed i campanili».

Voto unanime anche per il nuovo direttivo di Signorelli, che da ieri ha messo a disposizione i suoi incarichi di assessore provinciale e presidente delle gestioni associate di Esino, Perledo, Varenna e Lierna.

Suo vice è il sindaco di Pasturo Guido Agostoni che ha sottolineato come «c’è una voglia di una Comunità montana che sia vicina ai comuni ed ai cittadini per aggregare le proprie sinergie per progetti condivisi e per contare di più nei confronti degli enti superiori».

L’articolo su La Provincia di Lecco del 17 settembre

© riproduzione riservata