La Arrigo di Calolziocorte  «Vendite in tutto il mondo»
Lo stand Arrigo Gabbioni a Rho

La Arrigo di Calolziocorte

«Vendite in tutto il mondo»

Aziende che hanno resistito, sono cresciute e hanno mantenuto la loro impronta familiare

Come nel caso della “Arrigo Gabbioni Italia” di Calolziocorte. Schierati allo stand il titolare Gian Rustico Arrigo, la moglie Tiziana e la figlia Cristina. Quest’ultima rappresenta la terza generazione dell’impresa fondata nel 1950 da nonno Luciano. Che a ottant’anni naturalmente ogni giorno passa in ditta.

«La passione ci è stata trasmessa fin da piccoli - osserva Gian Rustico Arrigo - Certo noi siamo una delle pochissime realtà certificate Ce, il che ha costi e garantisce qualità. Poi sa, i cinesi mettono su anche loro “Ce” che però significa China Exportation». La concorrenza a suon di ribassi è pesante, tuttavia l’azienda lecchese leader mondiale nella produzione di prodotti a doppia torsione guarda al futuro con speranza. E torna puntualmente a Made expo per tenere i contatti con la rete commerciale.

Si portano i prodotti che sono i punti di forza, già diffusi, a anche le novità. Come nel caso della Harken Italy di Limido Comasco, che pure quest’anno con le dimostrazioni ad alta quota sa attirare lo sguardo. Tra i presenti all’inaugurazione di Made expo con il ministro Graziano Delrio, molti non si lasciavano sfuggire lo spettacolo allo stand comasco. Paolo Cuccia conferma: «Abbiamo portato anche prodotti nuovi, come l’indicatore di tensione dei cavi. E altri che uniscono la funzionalità all’estetica». La Harken - attualmente con un organico di 78 persone in Italia, tra le quali anche qualche recente assunzione - offre carrucole, paranche, sistemi elevatori, attrezzature per la movimentazione e molto altro ancora. Mercati in movimento rapido, la Cina e il Giappone, ma si affaccia anche Dubai. E l’Iran ha appena chiesto una sostanziosa fornitura.

Tra gli stand sfiorati ieri dal passaggio del ministro Delrio, quello di Effeitalia di Lecco, realtà che si occupa di rivestimenti, con Franca Cavagnoli. Uno staff di dieci persone, con una rete quindi di agenti, che ieri ha confermato il buon inizio di Made expo: «Abbiamo avuto un buon numero di visitatori, il primo impatto è sicuramente positivo». L’azienda è nata nel 1987 e l’attività principale è la gestione in esclusiva per l’Italia di alcuni brand europei. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA