Incendio: dopo Forcola ora allarme a Tartano
Strada chiusa e decine di uomini al lavoro per domare le fiamme (Foto by Silvio Sandonini)

Incendio: dopo Forcola ora allarme a Tartano

Si è allargato nella notte il fronte delle fiamme. Chiusa la strada provinciale che porta in Val Tartano, dove sono caduti numerosi sassi

È caccia al piromane per l’incendio di Forcola. Quella del dolo non sembrerebbe più soltanto un’ombra, ma un’ipotesi più che probabile. Le forze dell’ordine ieri sono state impegnate nelle indagini e nell’ascolto dei testimoni che avrebbero visto due piccoli roghi poco prima delle 19 di giovedì sopra l’abitato di Sirta. In queste ora si stanno analizzando anche i filmati registrati dalle telecamere di sicurezza comunale, sistemate nella parte bassa del paese, che potrebbero fornire particolari utili alla ricostruzione del caso.
Intanto, da venerdì sera sono andati in fumo oltre 100 ettari di bosco. Il versante che sovrasta l’abitato di Forcola è stato divorato completamente dalla fiamme «e se si dovesse confermare l’origine dolosa, la nostra rabbia per questa montagna distrutta sarebbe moltiplicata». dice il sindaco Tiziano Bertolini. Le correnti hanno spinto i focolai dalla Val Fabiolo verso la strada provinciale che porta a Tartano. Questa mattina si è resa necessaria la chiusura della strada a causa della caduta di numerosi massi. Residenti e turisti sono per ora bloccati in quota. Si sta valutando in queste ore se sarà possibile riaprire la strada, almeno in alcune fasce orarie. Decine di vigili del fuoco e volontari sono al lavoro da terra e sta scaricando acqua nella zona anche un elicottero della Regione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA