Foglie secche e poche gemme chiuse  Il faggio di Segantini sta soffrendo
EUPILIO - Il piantone di Segantini (Foto by Stefano Bartesaghi)

Foglie secche e poche gemme chiuse

Il faggio di Segantini sta soffrendo

Eupilio, preoccupano le condizioni del “piantone”

che a settembre era stato abbattuto dal vento

Il verde rigoglioso degli alberi attorno sembra quasi un affronto al “piantone Segantini”, arroccato sul monte Cornizzolo.

Se ne sta lì, sulla riva montuosa; il suo aspetto è maestoso, ma insieme triste e afflitto, con le foglie secche e le poche gemme ancora chiuse.

A guardarlo, non sembra godere di ottima salute il faggio monumentale sotto cui, si dice, il pittore Giovanni Segantini si ritemprasse tra un dipinto e l’altro.

Non aiutano di certo a dare una bella immagine i rami secchi tagliati lo scorso anno, ancora abbandonati di fianco all’albero, il terreno mosso e le pietre scavate lasciate in mucchio. Un’area un poco abbandonata.

Difficile ancora dire quale sia il reale stato di salute del vecchio faggio, sradicato dal vento a 114 chilometri orari lo scorso 23 settembre e rimesso in piedi da un manipolo di uomini a novembre grazie a un movimento di opinione popolare (che a sua vita aveva dato a una generosa raccolta di fondi).

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA