Corruzione in Svizzera  «Sbagliato assumere un italiano»
Norman Gobbi (Foto by Varese Press)

Corruzione in Svizzera

«Sbagliato assumere un italiano»

Il leghista Norman Gobbi trasforma in una campagna anti italiana l’inchiesta che ha portato in carcere sei persone: un kosovaro e cinque svizzeri, uno dei quali un dipendente pubblico di origine calabrese

Si è trasformata nella solita e scontata campagna anti-italiana anche la vicenda delle mazzette pagate in Svizzera da un kosovaro per ottenere permessi di dimora per persone non aventi diritto. Scandalo scoppiato a Bellinzona e che ha portato a sei arresti, il kosovaro e sei cittadini svizzeri, tra i quali due ex dipendenti dell’Ufficio migrazione e un attuale dipendente dello stesso ufficio. Questo dipendente, 28 anni, ex calciatore promettente, è cittadino svizzero ma è di origine calabrese, ed è stato sospeso dal servizio.

In un’intervista al quotidiano zurighese Tages Anzeiger, il direttore del Dipartimento Istituzioni Norman Gobbi, della Lega dei Ticinesi ha dichiarato: «Non è una situazione piacevole. La popolazione rischia di perdere fiducia nelle autorità. Tra l’altro è accaduto sul tema molto sensibile per i ticinesi, quello della migrazione».

E alla domanda se non sia troppo facile dare la colpa a uno straniero, per quanto naturalizzato, ha risposto: «No, è stato un errore quello di assumere un italiano, soprattutto per l’Ufficio della migrazione. Questo per me non è accettabile. Non ho mai sentito di uno svizzero che lavorasse per le autorità italiane. Ecco perché mettiamo a disposizione del nostro dipartimento prevalentemente personale svizzero nato qui o naturalizzato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (46) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
GIUSEPPE LUNGHI scrive: 13-02-2017 - 15:44h
Io preferisco il cioccolato Novi al lampone, cacao 70%
GIUSEPPE GENCO scrive: 13-02-2017 - 05:31h
Davide Rossi ... Se il cioccolataio di cui parla e' un maitre chocolatier svizzero ... Beh, felice di esserlo! Almeno loro il cioccolato lo sanno fare davvero, non come certi italiani che se la tirano tanto e poi sanno solo rubare ed imbrogliare ... Spero comprenda la lievissima ironia ....
davide rossi scrive: 12-02-2017 - 20:24h
Egregio signor Giuseppe Genco. Ha perso l'ennesima occasione per evitare la figura del cioccolataio......... Guten abend
GIUSEPPE GENCO scrive: 12-02-2017 - 18:44h
Davide Rossi, a chi è rivolto il suo messaggio? ... Spero invece che il nome che spende qui sia davvero il suo ... Perché se fosse un riferimento ad una persona deceduta tragicamente di recente sarebbe veramente di cattivo gusto ... Molto più delle parole di qualunque altoatesino ...
Vedi tutti i commenti