«Ce lo hai lasciato così poco»  Diego, una piccola bara bianca
Momenti di grande commozione dentro e fuori la chiesa per l’addio al piccolo Diego

«Ce lo hai lasciato così poco»

Diego, una piccola bara bianca

Un migliaio di persone ai funerali del bimbo morto all’asilo di Casatenovo

Don Molteni: «Difficile capire». La nonna: «Niente sarà più come prima»

Si è svolto ieri pomeriggio alle 14 nella chiesa prepositurale dei Santi Pietro e Paolo di Lissone il funerale del piccolo Diego, 10 mesi, che giovedì scorso è deceduto all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo dopo essere stato colpito da malore all’asilo nido Piri Piri della Pupa di Casatenovo, dove lavora la mamma Valentina, 35 anni.

Una chiesa gremita da un migliaio di persone, ha dato l’estremo saluto al piccolo durante la cerimonia funebre officiata dal prevosto, don Tiziano Vimercati. La scomparsa di un bimbo così piccolo, anche se per cause naturali come ha verificato l’autopsia, ha suscitato dolore e commozione non solo tra i familiari ma anche in tantissimi conoscenti, amici, colleghi di lavoro, presenti in gran numero ieri nella chiesa principale della città.

La Pupa, l’asilo, l’outlet, hanno osservato un periodo di lutto per la scomparsa del piccolo Diego. È stato il vice parroco don Andrea Molteni a cercare una consolazione, non una spiegazione, per i genitori, durante l’omelia. «Non capiamo perché un bambino di dieci mesi sia stato strappato alla sua famiglia ma non crediamo che il bambino sia stato lasciato alla morte, ma che sia stato lascaiato nelle mani di Dio. Lo immaginiamo mentre Dio Padre lo culla fra le sue braccia», ha detto don Andrea. Ha esortato la famiglia a rifugiarsi nella fede per lenire il dolore di questa perdita.

È toccato poi alla nonna paterna, Silvana Mariani, ginecologa al San Gerardo di Monza, leggere un ricordo personale del piccolo nipote. Ha letto con fatica, emozionata e commossa: «Ce lo hai lasciato così poco, coi suoi capelli d’oro ed il suo sorriso, ora niente sarà più come prima».

Leggete tutti i particolari sull’edizione odierna de La Provincia di Lecco

© RIPRODUZIONE RISERVATA